Si dice che il canto del cigno sia l'ultimo atto, l'ultimo gesto che contraddistingue la vita di chiunque, come il cigno che prima di addormentarsi per sempre emette il suo unico, meraviglioso suono. L'Inter ha nella sua rosa un Cigno che però di emettere l'ultimo canto non ne vuole sapere proprio: Edin Dzeko, il Cigno di Sarajevo, sta vivendo davvero una seconda giovinezza in nerazzurro, collezionando gol decisivi a grappoli. Quello segnato questa sera contro il Napoli, poi, può avere un peso specifico fortissimo nella corsa non solo della squadra di Simone Inzaghi ma anche dell'intero campionato: sembrava un'impresa impossibile fermare questo Napoli arrivato imbattuto al 2023, e che invece a San Siro fa vedere il suo volto peggiore. Imballati, autoincartatisi nel loro possesso palla, gli uomini di Luciano Spalletti alla fine patiscono le iniziative dell'Inter che solo per la cronica capacità incredibile di divorarsi reti non chiude con uno scarto più ampio. Ma basta che Dzeko arrivi puntuale sul cross di Federico Dimarco per mettere in cascina questi tre punti fondamentali, che permettono all'Inter di rilanciare le proprie quotazioni. Premiata l'intelligenza di Inzaghi, che trova tutte le contromisure perfette per arginare i partenopei, che rimangono avanti in classifica ma che ora vedono ridisegnata la corsa per il titolo. E' stato quindi più facile Cassandra chi diceva che questa ripresa poteva nascondere delle trappole: la prima giornata non ha deluso.

Sezione: Copertina / Data: Mer 04 gennaio 2023 alle 22:51
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
vedi letture
Print