Da Ginevra, dove è in corso l'Assemblea generale, il presidente dell'Eca Andrea Agnelli fa il punto della situazione per quel che riguarda l'annunciata riforma delle competizioni europee: "Abbiamo differenti visioni sui format e i principi generali. Abbiamo problemi sul calendario e lo capisco. Ma in generale tutti accettiamo il fatto che la riforma debba avvenire nella stagione 2024/25. Siamo tutti d'accordo sul fatto che più partite europee siano positive per il calcio. Dobbiamo continuare a mettere i club nel cuore di ogni decisione e dobbiamo mantenere una forte simbiosi con i campionati nazionali, qualunque cosa succeda nel futuro". Agnelli fissa anche quelli che sono gli obiettivi a lungo termine dell'Eca: "Dobbiamo continuare a incentivare lo sviluppo dei settori giovanili, rinforzare l'impatto sociale dei club e portare il calcio femminile al livello successivo". 

VIDEO - ESPOSITO DA FENOMENO: CHE GOL ALLA SERBIA

Sezione: News / Data: Mar 10 Settembre 2019 alle 02:30
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print