"Sì, c’è stata sfortuna, le traverse colpite da Barella e da Lukaku. D’accordo, l’arbitro ha ignorato un rigore abbastanza evidente su Lukaku. Va bene, Lautaro si è divorato un gol colossale. La partita però andava vinta, in un modo o nell’altro, perché l’Inter l’ha governata, perché lo Shakhtar non ha fatto altro che difendersi per preservare uno 0-0 che gli permette di restare in testa al girone. L’Inter ha perso un’occasione, è stata credibile e convincente nel primo tempo, si è smarrita dentro un fumoso giro-palla nella ripresa". Questo il commento della Gazzetta dello Sport il giorno dopo il pari di Kiev. "La classifica nel girone di Champions si complica: due punti in due partite e con i pari non si va agli ottavi. La prossima, a casa Real, odora già di spareggio. Continua il mistero o l’incertezza su che cosa sia e dove stia andando questa Inter di Conte, una squadra pesante, nel senso della stazza, e pensante, forse troppo, portatrice per ora di un possesso palla importante e che però a volte si incaglia, ci riferiamo al primo tempo di sabato contro il Genoa e al secondo di ieri".

VIDEO - ACCADDE OGGI - 28/10/2006: DAL DOMINIO ALLA PAURA, L'EMOZIONANTE DERBY DEL 3-4

Sezione: Copertina / Data: Mer 28 ottobre 2020 alle 08:49 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print