Intervistato dal portale brasiliano Calciopedia, Gabriel Brazao, portiere del Parma arrivato in Italia con la partecipazione dell'Inter, racconta il suo periodo di ambientamento nella nuova realtà italiana dicendosi sereno e contento: "L'Italia è un Paese bello e accogliente. Sono felice di essere qui, il cibo è davvero ottimo. Quando ho tempo libero cerco di visitare altre città. Sono stato a Roma e Milano, tra gli altri posti. Anche Parma è una città molto bella: vivo in centro, quando ho tempo faccio sempre un giro e mi innamoro della città ogni volta di più".

Quali differenze hai notato tra il calcio italiano e quello brasiliano?
"Il calcio italiano è tatticamente di un livello molto elevato, con una grande qualità di atleti. Sono poche, però, le differenze con il Brasile. Credo che ogni Paese abbia qualcosa da migliorare. In Italia ci sono aspetti migliori che in Brasile e viceversa. L'importante è imparare da questa diversità e continuare a crescere costantemente".

Com'è il processo di ambientamento a Parma? 
"È un processo che, francamente, non penso sia così difficile, grazie alle persone che mi circondano e che mi aiutano molto. Il Parma mi ha accolto molto bene e, giorno dopo giorno, ha finito per rendere tutto molto più facile".

Taffarel ha una grande storia a Parma. Ti hanno mai parlato dei suoi trascorsi? Qual è il peso dell'eredità? 
"Taffarel non ha una grande storia solo a Parma (ride)... È uno dei più grandi portieri della storia del calcio mondiale. Naturalmente c'è più pressione perché lui ha giocato qui, ma non la vedo come una cosa che potrebbe pregiudicarmi. Lui mi ha sempre parlato molto del club e della città. Ho imparato molto da lui attraverso i miei passaggi nella Seleçao".

L'arrivo all'Inter non si è concretizzato subito perché non c'era spazio per un giocatore extra-comunitario nella squadra. Sei frustrato dal fatto che non sei stato comprato dall'Inter, uno dei grandi club in Italia? 
"L'Inter è il più grande club in Italia, posso dirtelo. Non è successo in questa finestra di mercato, ma chi lo dice che non accadrà alla prossima? Ero deluso sul momento, ma anche il Parma è una grande squadra".

Chi sono i tuoi punti di riferimento?
"Mi piacciono molto Fabio, Alisson, Buffon ed Ederson".

VIDEO - FROSINONE-INTER, LA GIOIA E' NEL FINALE: SOLO VECINO FERMA LA FURIA DI TRAMONTANA

Sezione: Copertina / Data: Gio 18 Aprile 2019 alle 14:35
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print