Tutto fatto: Victor Moses a breve sarà ufficialmente un giocatore dell'Inter. Mancano solo alcuni passaggi burocratici con il Fenerbahçe. "Moses ad Appiano riabbraccerà Antonio Conte. E magari i due ripenseranno a quell’estate 2016, allenamento in un campus vicino Pasadena dove l’Italia 22 anni prima aveva perso il titolo mondiale ai rigori contro il Brasile - ricorda la Gazzetta dello Sport -. Sole a picco, Conte con lo sguardo fisso su un calciatore. Moses ha già giocato le due amichevoli del 16 luglio contro il Rapid Vienna – appena due giorni dopo la presentazione ufficiale del tecnico italiano, che nella pancia dello Stamford Bridge aveva sorpreso tutti parlando un inglese già discreto – e del 20 contro il WAC Pellets. I Blues sono a ranghi ridotti. L’Europeo è finito da poco e le star sono ancora in vacanza. L’allenatore italiano sfrutta la situazione per dare un’occhiata ai giovani e alle seconde linee. Contro il Rapid ha utilizzato il modulo 4-2-3-1, contro il WAC Pellets il 4-2-4. Moses è sempre stato schierato a sinistra. Al Rose Bowl di Pasadena si sale di livello. Inizia l’International Champions, l’avversario è il Liverpool di Jurgen Klopp. Conte ha deciso di confermare il 4-2-4 e di riproporre Moses sul versante alto sinistro. L’ex ct dell’Italia nella rifinitura ha lo sguardo fisso sul nigeriano cresciuto a Londra con una storia terribile alle spalle, papà e mamma uccisi quando era bambino da un gruppo di estremisti islamici. Si volta verso i suoi collaboratori e dice: «Questo ragazzo ha enormi qualità. Mi piace». La partita finirà 1-0 con una rete di Cahill e Moses resterà in campo 67 minuti: lo sostituirà Cuadrado".

Quell'impressione estiva farà la fortuna di Conte e del Chelsea, visto che poi Moses diventerà una delle carte vincenti per la cavalcata in Premier League. Prima e dopo Conte, però, per lui nei blues c'è poca fortuna. E allora adesso rieccoli insieme a Milano, pronti per una nuova sorpresa.

VIDEO - COME CALCIA TAHITH CHONG: UN CAMPIONARIO DI COLPI DA CAMPIONE

Sezione: Rassegna / Data: Mer 22 gennaio 2020 alle 09:11 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print