Intervistato da TYC Sports direttamente dal ritiro dell'Argentina, Mauro Icardi esprime tutta la sua gioia per poter far parte della Seleccion: "Ho sempre aspettato questo momento. Ho già giocato per le nazionali giovanili, ma per me il grande sogno era quello di venire qui e giocare in quella maggiore. Ieri ho avuto un problema con la valigia e per questo motivo non ho parlato con i giornalisti appena sono arrivato. Un altro passeggero ha preso la mia per errore. Ma adesso va tutto bene, il problema è stato risolto".



Sulla scelta di vestire la maglia dell'Argentina rinunciando alla possibilità azzurra: "In Italia, tutti sanno che io sono argentino e che l'unica cosa italiana che ho è il passaporto. Per me è un grande orgoglio che Prandelli abbia detto quello che ha detto su di me, ma io sono argentino e voglio giocare per l'Argentina".

I Mondiali restano un sogno: "Manca ancora tantissimo. So che sono qui perché Lionel Messi si è infortunato. Spero che arrivi il mio momento. A livello mondiale, tutti gli attaccanti della nazionale argentina sono fortissimi. Io sono qui per cercare di approfittare di questa possibilità. A Barcellona ho imparato a giocare palla a terra, in Italia invece a combattere coi difensori e a prendere la palla anche di testa". 

Sezione: Focus / Data: Mar 08 ottobre 2013 alle 16:56
Autore: Riccardo Gatto / Twitter: @RiccardoGatto1
vedi letture
Print