Nonostante il raggiungimento delle finali di Nations LeagueMario Sconcerti resta scettico riguardo alla validità della nazionale italiana ed è convinto che in Qatar avrebbe fatto poca strada. "Vincono le squadre che hanno più giocatori nei posti guida dei vari campionati, cioè le nazioni che esportano. Negli ultimi quattro Mondiali, l’Olanda ha fatto un secondo e un terzo posto, con quasi tutti giocatori che giocavano all’estero - ricorda Sconcerti sul Corriere della Sera - Il Portogallo ha vinto un Europeo ed è arrivato quarto a un Mondiale. Sono scomparse da vent’anni Brasile e Argentina che invece adesso tornano come favorite perché hanno 46 giocatori su 50 che giocano nelle migliori squadre europee. Nell’ultimo Mondiale la Croazia ha perso in finale e il Belgio è arrivato terzo.

Nessuno giocava in patria. In sostanza non esiste più un calcio brasiliano o francese, esistono calciatori brasiliani e francesi bravi che giocano con un’unica mentalità europea. Questo avvantaggia chi emigra, come del resto spesso nella storia. E, per tornare all’inizio, avrebbe messo fuori l’Italia agli ottavi di finale in Qatar".

Sezione: Rassegna / Data: Gio 29 settembre 2022 alle 11:45
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
vedi letture
Print