news

Uefa, il calcio nell’era Covid-19: 491 gare e 41.513 test. Marchetti: “Le difficoltà non ci spaventano”

Con l’inizio della fase a gironi di Champions League ed Europa League nella nuova stagione, i protocolli sanitari e gli sforzi logistici continuano a contribuire a offrire a tutto il calcio europeo in un ambiente sicuro....

Mattia Zangari

Con l’inizio della fase a gironi di Champions League ed Europa League nella nuova stagione, i protocolli sanitari e gli sforzi logistici continuano a contribuire a offrire a tutto il calcio europeo in un ambiente sicuro. "Organizzare quattro tornei finali in quattro diversi paesi - in meno di due mesi - per concludere la stagione per club 2019/20 è stata un'impresa senza precedenti nello sport mondiale. Il ritorno in campo della UEFA ad agosto ha dovuto considerare le giurisdizioni nazionali, con un protocollo medico sviluppato che poteva essere applicato a tutti i livelli. Ha anche creato il quadro per le partite che continueranno a essere giocate in un intenso settembre e ottobre", si legge in una nota diffusa da Nyon. 

"La comunità calcistica ha davvero lavorato insieme - ha detto Giorgio Marchetti, vice segretario generale UEFA -. Senza il lavoro congiunto e l'unità di intenti con federazioni nazionali, leghe e club non sarebbe stato possibile ottenere nulla. E poiché avevamo solo due mesi per organizzare tornei simultanei in Portogallo, Germania e Spagna, le federazioni e le autorità locali ci hanno sostenuto in modo massiccio".

Quello spirito collaborativo sarà fondamentale in futuro: "Manteniamo la stessa forte determinazione nei confronti di tutte le partite della nuova stagione - ha aggiunto Marchetti -. Tutti hanno guardato alle final 8 finali di agosto. Quello che quasi nessuno sa è che dall'inizio di agosto si sono già giocate quasi 500 partite UEFA (precisamente 491 al 16 ottobre con 41.513 test anti-Covid 19 da agosto al 24 settembre ndr ). Tutti i turni di qualificazione di Champions League ed Europa League (nessun club è stato escluso dalla lista di accesso), due finestre internazionali maschili e una femminile, Under 21. Ci sono molte restrizioni e un protocollo rigoroso da applicare con un numero incredibile di test su tutte le squadre, ma queste difficoltà non ci spaventano".