Intervista alla Gazzetta dello Sport per Mbala Nzola, attaccante dello Spezia, che grazie a Luca Gotti è riuscito a rilanciarsi in questo avvio di stagione dopo un'ultima annata decisamente tormentata. Caratterizzata in particolare dall'episodio della sostituzione dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo nel match contro l'Inter a causa di... un orecchino: "Per la fretta sbagliai il lato da cui avrei dovuto premere per toglierlo. E poi non veniva più fuori. Una fatalità incredibile. Nello spogliatoio lo sfilai in mezzo secondo. Eppure ricevetti tanti insulti. Probabilmente pago il mio carattere: la gente pensa che non rido mai, che sono freddo.

Ma io sono solo fatto così. Se non ci conosciamo, ti rispetto ma sono chiuso. Se entriamo in sintonia, puoi apprezzare un altro Mbala. Non mi piacciono le polemiche, preferisco piuttosto prendermi colpe non mie. Forse sono troppo buono, così mi dicono i miei amici. Non trovavo una chiave per reagire. Il morale era basso. Mi capitava anche di pensare che se ce l’avevano tutti con me magari un motivo valido c’era. Ero triste perché in campo non mi riconoscevo: era come se fosse tutto scritto, che qualsiasi cosa facessi non serviva”.

Sezione: News / Data: Ven 30 settembre 2022 alle 13:12
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
vedi letture
Print