Il fantasista dell'Ascoli Leonardo Morosini si è raccontato in una lunga intervista sul canale Instagram del giornalista Nicolò Schira. Ecco le principali dichiarazioni dell'attaccante classe 1995. Morosoni, tifoso dell'Inter, quando viene interpelletato sugli idoli da ragazzo non fa distinzioni nel parlare dei giocatori nerazzurri: "Alino Diamanti mio grande idolo. Non ho mai avuto un calciatore preferito in assoluto, ma sono un malato di calcio e ho avuto tanti campioni nel cuore. Da interista ho nel cuore tutti i campioni della mia Inter. Un nome secco? Per il ruolo Wesley Sneijder".

Morosini che da ragazzo è anche transitato dal vivaio dell'Inter: "Ho fatto le giovanili dagli 8 ai 13 anni in nerazzurro. Giocare in nerazzurro era il mio sogno. Avevo fatto un provino per l'Atalanta, ma mi chiama l'Inter e sono impazzito. A Bergamo ero una delle poche eccezioni: non tifavo Atalanta, ma Inter. Sono stati anni molto formativi con tornei stupendi in tutta Europa. Alle feste del club ebbi l'occasione di conoscere Oba Oba Martins, ho ancora la fotografia a casa. Mi porto nel cuore quell'Inter di Hector Cuper che era una grande squadra, peccato non abbia vinto un trofeo". Il Moro sponsorizza inoltre il suo ex compagno di squadra al Brescia, Sandro Tonali: "Sandro ha tutte le carte in regola per fare un percorso importante. Dal punto di vista tecnico e tattico ha tutto più una grandissima personalità. Fossi in un grande club ci punterei al volo". 

Sezione: News / Data: Mer 01 aprile 2020 alle 19:37
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print