C'è un retrogusto amarognolo nel giorno in cui la Lazio celebra l'anniversario della storica vittoria in Coppa Italia contro la Roma. Lo ha spiegato Stefano De Martino, direttore della comunicazione dei biancocelesti, intervenendo ai microfoni di Lazio Style Channel: "Se da un lato c’è soddisfazione nel lavoro svolto, dall’altra parte dobbiamo tornare nuovamente in trincea, questa volta in modo inaspettato. C’è un tentativo di spallata nei confronti della Lazio, un attacco che si avvertiva da giorni e che si sta traducendo in situazioni a dir poco spiacevoli. La società ha fatto della correttezza la propria peculiarità: non abbiamo chiesto che si parlasse bene del club ma di rispettarne il lavoro e la sua gente. Siamo una società sana, con idee chiare: la dirigenza ha messo i giocatori nelle condizioni di rendere al meglio. Attaccare il presidente, un dirigente o un giocatore per non motivo che non sussiste significa andare contro tutte quelle persone che la mattina si svegliano per sapere cosa accade nel mondo biancoceleste. Questo è uno straccio lanciato verso tutti, le allusioni e le frasi tra le righe non sono accettabili. La società è vigile e risponderà a tutto ciò che verrà tirato in ballo in modo fantasioso. Negli ultimi due mesi abbiamo sempre auspicato la ripresa ed il conseguente termine del campionato per il bene del sistema e dei tifosi. Se qualcuno ha un pensiero diverso, dispiace che il comportamento che ne deriva è un attacco a testa bassa nei confronti di questa società, che però ha sempre agito nel rispetto totale. Chi lavora nel mondo del calcio conosce bene i numeri: in questo campionato stiamo giocando bene ma non è per questo che la dirigenza si sia impegnata da sempre per far riprendere la Serie A. Intorno alla Lazio non possono essere evocati fantasmi, sarebbe disgustoso". 

Questa situazione - precisa De Martino - avrà anche strascichi legali: "Ho dato mandato ai miei collaboratori di fornire il materiale minuto per minuto al comparto legale: la società non si farà attendere. Mi auguro che non ci siano altri motivi di discussione, ma nell’aria si avverte l’attacco nei nostri confronti: vogliamo tornare presto a parlare di calcio giocato. I nostri tifosi, rispetto ad anni fa, hanno imparato a leggere ed a darsi delle spiegazioni, anche senza il nostro ausilio, dei vari attacchi immotivati che riceviamo; al tempo stesso, tali comportamenti derivanti da fattori esterni ci danno fastidio. Il progetto intrapreso anni fa ha dato i suoi frutti e sta continuando a darne: ogni sostenitore biancoceleste può essere fiero di sostenere tali colori. Ciò rappresenta la più grande soddisfazione per chi lavora all’interno del club, ancor di più oggi in questa giornata che rievoca dolci ed indelebili ricordi". 

VIDEO - UN ANNO FA LA VITTORIA DA CHAMPIONS CONTRO L'EMPOLI: L'ALTALENA DI EMOZIONI NEL RACCONTO DI FILIPPO TRAMONTANA

Sezione: News / Data: Mar 26 maggio 2020 alle 21:25
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print