Ieri, su proposta del presidente federale Gabriele Gravina, è stato approvato il principio di una nuova norma che impone il blocco della campagna trasferimenti per le società di Serie A e di Serie B che superano il costo complessivo del monte contrattuale determinato dai contratti pluriennali in essere per la stagione sportiva 2021/2022 e non prestano idonee garanzie per l’eccedenza. Una mossa che Marco Bellinazzo, giornalista de il Sole 24 Ore, inquadra così a TMW Radio: "Si potevano prendere strade più drastiche, è una soluzione a metà - dice -. Servirebbero, invece, interventi strutturali. Allargare il discorso alle altre Federazioni? Non c'è dubbio, ma non tutti i campionati hanno gli interessi della Serie A: la Premier, ad esempio, non vuole perdere il suo vantaggio competitivo".

Parlando dello slittamento degli stipendi per i club di Serie A, Bellinazzo aggiunge: "Sono provvedimenti di carattere politico, condivisibili, ma se vogliamo parlare di misure efficaci bisogna guardare altrove. Il taglio degli stipendi non compete nemmeno alla Figc o all'Aic, sono accordi individuali. Quel che è certo è che il sistema calcio almeno ha preso atto che così non si può andare avanti, anche se ora bisogna affrontare i problemi in modo diverso". 

VIDEO - ESCLUSIVA FCIN: LA MOSSA DI RANOCCHIA PER RESTARE ALL'INTER

Sezione: News / Data: Mar 18 maggio 2021 alle 16:19
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print