news

Allarme Agnelli: “Fatturato calcio in decrescita, serviranno aumenti di capitale per 6 mld”

Allarme Agnelli: “Fatturato calcio in decrescita, serviranno aumenti di capitale per 6 mld”

Nel corso della conferenza stampa successiva all'approvazione del bilancio di Juventus Football Club, il presidente bianconero Andrea Agnelli ha messo in risalto i dati preoccupanti dei fatturati del calcio europeo, falcidiati dalla pandemia...

Christian Liotta

Nel corso della conferenza stampa successiva all'approvazione del bilancio di Juventus Football Club, il presidente bianconero Andrea Agnelli ha messo in risalto i dati preoccupanti dei fatturati del calcio europeo, falcidiati dalla pandemia da Covid-19: "Quello che è sotto gli occhi di tutti, è che dopo 20 anni di continua crescita per la prima volta il fatturato del calcio europeo è in forte decrescita. Le stime portano ad ipotizzare che 360 club a livello europeo delle prime divisioni avranno bisogno di aumenti di capitale nei prossimi 12/24 mesi per un totale di 6 miliardi, senza considerare le seconde divisioni dove ci saranno le maggiori difficoltà". 

Agnelli, comunque, prova a infondere fiducia per il futuro: "Abbiamo dato prova di grande serietà di sistema nei mesi primaverili, sia a livello internazionale che a livello nazionale. È stato fatto tutto il possibile per rimettere in moto un’industria che ha un comparto economico estremamente importante. Se questa convergenza che c’è stata a inizio pandemia verrà riprodotta nei prossimi mesi sono sicuro che come sistema ne usciremo rafforzati e con uno spettacolo più appetibile per i nostri tifosi”. Il numero uno juventino si dice scettico sull'eventualità di un cambio format per il campionato: "Non credo ci sia esigenza. Da un lato quando uno comincia le partita non si cambiano a che carte si hanno in mano, una competizione che inizia in un modo deve finire nello stesso modo. Diverso è il tema se format diversi possano essere più appetibili. Il protocollo che ci siamo dati, che la Federazione ci ha dato d’accordo con cts e minister, se applicato correttamente può permetterci di finire la stagione senza alcun intoppo. Non penso ci sia bisogno di rivedere questo, basta essere diligenti nell’applicazione del protocollo”