L'ex nerazzurro, oggi commentatore tecnico e opinionista di Sky Sport, Lele Adani negli studi dell'emittente televisiva, ha detto la sua in merito al 'caso' Antonio Conte. "Se vengono dati più poteri ad una persona vuol dire che ne vengono tolti ad un'altra. All'interno della società devono andare in profondità sulla questione, capire quali sono le figure e quali i compiti. Poi penso alle motivazioni: sono state dette tante cose senza specificarne una. Questa cosa è andata oltre le dinamiche dello spogliatoio e del calcio invocate da Marotta, secondo me è giusto offrire una soluzione ad un problema che è stato posto pubblicamente. Se tu vieni qui a dire certe cose, è lecito chiederne i motivi. Conte ha in testa due cose: famiglia e vittoria e cerca di vivere ventiquattro ore al giorno. Non tutti allenano ventiquattro ore al giorno, lui sì perché è ossessionato dalla vittoria ed è per questo che a volte perde la lucidità. Non si discute la sua bravura, ma anche la professionalità e il suo lavoro. Non sempre sono d’accordo con le sue scelte ma rimango incantato dalla forza e dalla determinazione che lo portano al risultato. Per me lui è bravo quando deve costruire, la sua ossessione diventa un valore aggiunto"

Sulla partita aggiunge: "Partita a più facce, ma l'Inter ha mantenuto un giusto atteggiamento pur andando in sofferenza. L’Inter è stata matura nelle difficoltà. I migliori sono stati Samir Handanovic e Lukaku. Romelu da piccolo era già un grande leader. In campo mette testa e anima, si vede dai sacrifici che fa e dal feeling con l’allenatore". 

Su Eriksen chiosa: "Eriksen deve giocare di più perché in mezzo c'è bisogno di qualità. Se parliamo di fallimento, si parla di fallimento di un grande giocatore e la colpa è reciproca con l'allenatore. Christian non è una riserva, è un ragazzo molto serio e Conte sta ottenendo tutto da tutti. Il danese vive di queste notti, il Tottenham, l’anno scorso, è cresciuto a ritmo di Eriksen, non può non fare la differenza col Getafe". 

Sezione: News / Data: Gio 06 agosto 2020 alle 11:34
Autore: Egle Patanè / Twitter: @eglevicious23
Vedi letture
Print