Dopo il triplice fischio di Napoli-Inter, Luciano Spalletti si presenta davanti alle telecamere di Rai Sport per un'analisi a caldo sul match del San Paolo, perso dai nerazzurri 4-1.

Deluso per la partita?
"Sono dispiaciuto, come lo erano i giocatori nello spogliatoio. Potevamo fare di più, abbiamo iniziato bene ma non siamo stai bravi ad eludere la pressione del Napoli: abbiamo perso palloni di troppo e loro ci hanno fatto gol. Nel secondo tempo siamo riusciti a fare qualcosina di più e a far funzionare i due attaccanti, ma si sono allungate le distanze e il Napoli ha avuto un vantaggio".

Contro l'Empoli diventa decisiva. Ha paura?
"E' decisiva, non diventa. Lo è e per certi versi è simile a quella dell'anno scorso contro la Lazio, da dentro o fuori. Per gli ultimi risultati, anche delle altre, ce lo si poteva aspettare".

Le voci su Conte destabilizzano la squadra?
"Io so quello che deve essere il mio lavoro, è vent'anni che lo faccio ormai. Chiaro che poi probabilmente nel decorso della preparazione e dello svoglimento delle partite può darsi faccia perdere l'attenzione di qualche giocatore, qualcuno può non essere contento ma la squadra deve mantenere lucidità anche in questi momenti. Non penso sia dipeso da questo".

Sezione: In Primo Piano / Data: Dom 19 Maggio 2019 alle 23:45
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print