"La qualificazione alla Champions League ancora non c’è, ma i giocatori nerazzurri hanno raggiunto con i dirigenti l’accordo per il premio Champions. La trattativa è andata avanti per alcuni mesi ed è stata di fatto conclusa qualche giorno fa con una sostanziale conferma dell’intesa raggiunta 12 mesi fa. In caso di terzo posto ai calciatori andranno circa 4 milioni di euro che saliranno a 5,5 se ci sarà il sorpasso al Napoli e dunque se l’Inter si piazzerà seconda. Calcolatrice alla mano, i nerazzurri avranno poco meno di 100.000 euro netti a testa in caso di gradino più basso del podio. La negoziazione era stata portata avanti da Icardi (e da altri senatori) fino a quando l’argentino è stato capitano, ma da metà febbraio un ruolo più “marcato” lo ha assunto Handanovic, che comunque era presente al tavolo anche in precedenza". Questo quanto svela oggi il Corriere dello Sport, che sottolinea anche la volontà di Suning di continuare a investire nel club. "Per programmare con serenità la prossima stagione e non tornare indietro di due anni a livello di fatturato l’accesso alla prossima Champions è fondamentale per l’Inter - si legge -. Con gli almeno 40 milioni che vengono garantiti dalla partecipazione alla fase a gironi (più gli incassi del botteghino per le gare in Europa) il club può programmare con maggiore tranquillità (e più ambizioni) la campagna acquisti e rispettare i parametri del Fair Play. Fermo restando che da qui al 30 giugno dovranno essere fatti 30-40 milioni di plusvalenze, una cifra che può variare in base al piazzamento in A, all’arrivo di nuovi sponsor e altri fattori. In quest’ottica è stato importante l’ingresso tra i partner dell’Inter della Samsung, diventata regional sponsor per la Cina per le tv, le lavatrici e altri elettrodomestici. Tutti con il marchio nerazzurro. La pubblicità del colosso coreano è già apparsa sui tabelloni di San Siro". 

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - HAKIM ZIYECH, IL MAGO DEL DRIBBLING

Sezione: Focus / Data: Gio 25 Aprile 2019 alle 08:48 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print