rassegna

GdS – Dalla Dinamo allo Shakhtar, da Mourinho a Conte: Kiev è ancora bivio europeo

GdS – Dalla Dinamo allo Shakhtar, da Mourinho a Conte: Kiev è ancora bivio europeo

Il gol di Shevchenko stava per tagliare fuori l'Inter dalla Champions League, poi rimonta nerazzurra con Milito e Sneijder. E così la notte di Kiev passa alla storia come il primo, fondamentale snodo per il Triplete del 2010. Era...

Alessandro Cavasinni

Il gol di Shevchenko stava per tagliare fuori l'Inter dalla Champions League, poi rimonta nerazzurra con Milito e Sneijder. E così la notte di Kiev passa alla storia come il primo, fondamentale snodo per il Triplete del 2010. Era il 4 novembre 2009, quasi 11 anni fa esatti. E oggi l'Inter torna proprio a Kiev, per un'altra tappa decisiva in Europa. L'avversario non è la Dinamo come allora, ma lo Shakhtar Donetsk: poco cambia. "Oggi siamo solo alla seconda giornata del girone: l’Inter deve vincere, può permettersi il lusso di pareggiare per provare poi a recuperare i punti persi nelle prossime quattro, ma di sicuro non può sbagliare - sottolinea la Gazzetta dello Sport -. Un k.o. a Kiev dopo il pari interno col Gladbach metterebbe la squadra di Conte già spalle al muro. Così, undici anni dopo, Kiev si trasformerà nuovamente in bivio per l’Europa".