"Il prossimo anno saremo ancora a Milano", aveva assicurato Wanda Nara pochi giorni fa. E invece l'addio di Mauro Icardi all'Inter è sempre più realistico. Anzi, adesso c'è una seria pretendente in più, che è balzata in pole: il Paris Saint-Germain. Secondo quanto riferisce oggi la Gazzetta dello Sport, il club di Parigi avrebbe messo Maurito in cima alla lista dei desideri, portandosi in chiaro vantaggio sulla concorrenza.

"C’è solo una via perché Icardi possa restare all’Inter: che al club non arrivi neppure un’offerta concreta e sufficiente da poter esser presa in considerazione - sottolinea la rosea -. Ovvero da almeno 70 milioni di euro, il numero al di sotto del quale la società non vuole scendere. Ma il fatto stesso che il Psg abbia deciso di iscriversi alla corsa per Maurito, è la dimostrazione che i due mesi ai margini della squadra e ora la maglia da titolare persa a favore di Lautaro non hanno allontanato più di tanto gli estimatori. Il Psg è in prima fila, perché il futuro di Edinson Cavani è tutt’altro che scontato. L’uruguaiano ha un contratto col Psg fino al 2020, due giorni fa a margine della festa per il titolo di Francia ha commentato: «Il mio futuro? Sto bene a Parigi, ma nel calcio non si può mai sapere». Molto meno di una conferma, anche perché non sono poche le voci che lo vogliono lontano da Parigi nel prossimo campionato". E chissà che proprio l'uruguaiano classe 1987 non possa diventare il nome buono per raccogliere l'eredità di Icardi in nerazzurro...

Per Icardi, restano in piedi anche le piste che conducono all'Atletico Madrid e alla Juventus. "Ma le possibilità di uno scambio con Dybala sono ad oggi minori rispetto a qualche settimana fa. In fondo, ci vuole una gran dose di coraggio da parte di entrambe nel correre il rischio di veder esplodere il proprio ex giocatore con la maglia dei rivali di sempre", puntualizza la Gazzetta

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - HAKIM ZIYECH, IL MAGO DEL DRIBBLING

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 23 Aprile 2019 alle 08:15 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print