rassegna

CdS – Lautaro agitato: a Conte serve il vero Toro. Reparto offensivo poco profondo?

Lautaro Martinez è agitato, il suo momento non è dei migliori. Anche il Corriere dello Sport parla della situazione dell'attaccante argentino, reduce da due prove non indimenticabili con Genoa e Shakhtar. Il Toro, in questa...

Alessandro Cavasinni

Lautaro Martinez è agitato, il suo momento non è dei migliori. Anche il Corriere dello Sport parla della situazione dell'attaccante argentino, reduce da due prove non indimenticabili con Genoa e Shakhtar. Il Toro, in questa stagione, era partito a razzo: gol con Fiorentina, Benevento e Lazio. Poi la sosta per le nazionali e il ritorno nel beffardo derby perso. Il palo gli aveva detto di no contro il Borussia MG, mentre a Genova e a Kiev il suo contributo non è alto. "Come accade spesso ai bomber, potrebbe essere sufficiente un gol per sbloccarlo e riaccenderlo - spiega il Corsport -. E il Parma, allora, arriva al momento giusto. Ai ducali, ha già fatto male nel febbraio 2018, trovando nel finale il gol della vittoria. Certo, la situazione che si è venuta creare lascia comunque qualche dubbio sull’effettiva profondità del reparto offensivo nerazzurro. Perché dietro a Lukaku e al Toro ci sono “solo” Sanchez e Pinamonti. Con il primo che ogni tanto si deve fermare per qualche acciacco, anche se in vista di sabato aumenta l’ottimismo. E con il secondo che, forse, ancora deve conquistare la piena fiducia di Conte, prova ne sia che in Ucraina per “cambiare” Lautaro gli ha inizialmente preferito Perisic". Ed allora è chiaro che a Conte serve il 'vero' Lautaro.