rassegna

Carnevali: “Raspadori resta al 100%. Conte? Mi aspettavo l’addio”

Carnevali: “Raspadori resta al 100%. Conte? Mi aspettavo l’addio”

Giovanni Carnevali, amministratore delegato del Sassuolo, esprime da Tuttosport tutta la sua gioia per la convocazione agli Europei di Giacomo Raspadori. "L’altra notte, quando è uscita la lista...

Redazione FcInterNews.it

Giovanni Carnevali, amministratore delegato del Sassuolo, esprime da Tuttosport tutta la sua gioia per la convocazione agli Europei di Giacomo Raspadori. "L’altra notte, quando è uscita la lista ufficiale, ho provato un orgoglio immenso. E sono convinto che da lassù anche il patron Squinzi, grande artefice del progetto Sassuolo, avrà provato le mie stesse sensazioni. Raspadori è cresciuto nel nostro vivaio e vederlo già all’Europeo rappresenta la nostra Champions League, la ciliegina sulla torta dopo 8 stagioni consecutive in Serie A. Oltretutto, Giacomo si aggiunge a Locatelli e Berardi. Senza contare che tra i convocati ci sono anche Lorenzo Pellegrini, Sensi, Acerbi: tutti giocatori passati dal Sassuolo. Fantastico!".

Ora, però, si apre il capitolo mercato. Che prezzo ha Raspadori? . "Non ha prezzo, nel senso che non lo vogliamo vendere. Il Sassuolo punta sui giovani e Raspadori si deve consacrare con noi. Stesso discorso per Scamacca. Raspadori resta al cento per cento. Non vogliamo nemmeno ascoltare eventuali proposte, per lui. Mentre per gli altri giocatori ambiti dai top club, vedremo. Qualche interesse concreto c’è, soprattutto dall’estero. Sì, Locatelli è uno di questi".

Parentesi anche sull'addio di Conte all'Inter e il ritorno di Allegri alla Juventus. "Mi aspettavo entrambe le cose.L’addio di Conte un po’ si intuiva. Lo scudetto dell'Inter? Ero sicuro che, grazie al binomio con Conte, Marotta avrebbe riportato l’Inter al successo. Beppe è uno dei migliori manager d’Europa".