news

Schmeichel senior: “La moglie di Eriksen pensava fosse morto. La Uefa aveva lasciato solo tre opzioni”

Schmeichel senior: “La moglie di Eriksen pensava fosse morto. La Uefa aveva lasciato solo tre opzioni”

"Hanno detto che i giocatori hanno insistito per giocare. So che non è la verità". Queste le dichiarazioni di Peter Schmeichel, grandissimo ex portiere della Danimarca e padre di Kasper, rilasciate al programma...

Alessandro Cavasinni

"Hanno detto che i giocatori hanno insistito per giocare. So che non è la verità". Queste le dichiarazioni di Peter Schmeichel, grandissimo ex portiere della Danimarca e padre di Kasper, rilasciate al programma televisivo 'Good Morming Britain'. Schmeichel senior si è scagliato contro la Uefa per le indicazioni fornite ai danesi durante quei terribili minuti che hanno fatto temere per la vita di ChristianEriksen. "Sono state date soltanto tre opzioni: una era quella di giocare subito il resto del match; un'altra era giocare il giorno dopo; la terza opzione era quella di rinunciare alla partita e perdere 3-0".

"Sono state le due ore più strazianti della mia esperienza calcistica - ha poi aggiunto a BBC Radio Five Live -. È successo non molto lontano da dove si trovavano tutte le mogli dei giocatori e, ovviamente, non appena la moglie di Christian l'ha visto, è corsa in campo. Ho parlato con mio figlio Kasper ieri sera: lui è subito corso da lei. Lei credeva che fosse morto, ma lui le ha detto che Christian stava respirando".