"E' un momento di difficoltà perché il campionato è complesso, ma ci mettiamo il massimo impegno e stiamo cercando di fare del nostro meglio. Poi è chiaro che un campionato più competitivo crea più problematiche". Questo, a margine del Gran Gala del Calcio Aic in corso a Milano, il bilancio dell'arbitro Gianluca Rocchi sulla stagione degli arbitri italiani.

C'è stata qualche critica di troppo nei vostri confronti?
"Qualche critica di troppo c'è sempre, credo che sia una cosa storica. È così ogni anno da quando sono qui, da 17 anni, ma dipende dai momenti del campionato e dei tempi storici".

Si sta facendo abbastanza per i cori razzisti?
"Penso che si può fare di più, è una cosa che mi da fastidio a me ma credo un po' a tutti. Mi fa piacere che i club si impegnino in prima persona perché questo aiuta anche noi. A volte in campo non ci si rende conto di alcune cose, ma noi siamo contro ogni forma di razzismo e quando c'è l'occasione si adoperano gli strumenti necessari".

Sul Var c'è qualche regola di troppo?
"Secondo me ora c'è più attesa rispetto all'inizio. Quando si comincia una cosa nuova in teoria va sempre bene, poi dopo tre anni ci si attende la perfezione e si cerca di arrivarci, ma non è semplice".

VIDEO - IL TORO ESALTA TRAMONTANA: DOPPIETTA DA URLO

Sezione: News / Data: Lun 2 Dicembre 2019 alle 21:28 / Fonte: dall'inviato Mattia Todisco
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print