news

Decreto imprese, i capigruppo chiedono sostegno a Draghi: “Lo sport ha una responsabilità sociale”

Mentre il governo italiano, alle prese con il Recovery Plan, pensa alla "ricostruzione" post-Covid, i capigruppo della Commissione cultura di Camera e Senato non dimenticano lo sport inviando al premier Draghi...

Redazione

Mentre il governo italiano, alle prese con il Recovery Plan, pensa alla "ricostruzione" post-Covid, i capigruppo della Commissione cultura di Camera e Senato non dimenticano lo sport inviando al premier Draghi una lettera nella quale sottolineano la necessità di porre l'attenzione sul suddetto settore "fortemente penalizzato dalle chiusure e dalle restrizioni in atto per contenere la pandemia" - come si legge in apertura. La richiesta è quella di ricevere un sostentamento economico di un miliardo e mezzo di euro da inserire nel prossimo Decreto Imprese. "Lo sport non ha ricevuto adeguate risorse dalla politica e dalle istituzioni in questi mesi, in proporzione al ruolo che esso stesso svolge per le nostre comunità - continuano -. Oggi riteniamo necessario rispondere al grido di aiuto che arriva da questo mondo che chiede risposte concrete ed efficaci per ripartire. Lo sport, come anche da Lei dichiarato durante il dibattito in Aula su Pnrr, rappresenta una funzione sociale fondamentale nel nostro Paese: la disciplina sportiva educa a stili di vita sani e favorisce lo sviluppo psicofisico delle persone. Milioni di italiani praticano uno sport, frequentano impianti sportivi, palestre e piscine. (...) Per questo motivo, come forze politiche, chiediamo al Governo un impegno forte e significativo per destinare 1,5 miliardi di euro nel prossimo Decreto Imprese, in fase di stesura in questi giorni. Occorre dare risposte puntuali ai bisogni delle attività, ad esempio agli impianti pubblici in gestione quali piscine e palestre, ai centri fitness, alle oltre 120mila ADS e SSD iscritte al registro Coni, alle società sportive di vertice e non nelle varie discipline. Chiediamo un sostegno vero e concreto per il sistema sportivo italiano, per intercettare in maniera puntuale i bisogni delle diverse realtà che appartengono all’universo dello sport".