focus

GdS – Eriksen, contatti continui Inter-Nazionale danese. E Christian sorride nella chat di gruppo

GdS – Eriksen, contatti continui Inter-Nazionale danese. E Christian sorride nella chat di gruppo

Sono proseguiti anche ieri e continueranno ancora nei prossimi giorni i contatti sull'asse Copenaghen-Milano per conoscere i progressi di Christian Eriksen dopo il malore di sabato. L'Inter – si legge sulla Gazzetta dello...

Mattia Zangari

Sono proseguiti anche ieri e continueranno ancora nei prossimi giorni i contatti sull'asse Copenaghen-Milano per conoscere i progressi di Christian Eriksen dopo il malore di sabato. L'Inter - si legge sulla Gazzetta dello Sport - si è informata di ogni singolo passaggio, sia medico che amministrativo, con il dottor Piero Volpi, capo dell’equipe medica nerazzurra, in collegamento costante con lo staff medico della Danimarca guidato dal dottor Morten Boesen. Dall’altro i dirigenti interisti, l’a.d. Beppe Marotta in primis, ha un canale aperto con il team manager della nazionale Peter Møller. Al momento, la giurisdizione sul giocatore è della nazionale e quindi a Milano non possono fare altro che aspettare e tenere alta la speranza con i pochi dati a disposizione, visto che serviranno nuovi esami e nuove conferme per tirare il definitivo sospiro di sollievo.

Intanto, nella chat di gruppo, il numero 24 ha mostrato buon umore con i compagni non facendo mancare la sua voce: ha ringraziato tutti per l'affetto che gli hanno dimostrato e ha detto loro di non preoccuparsi. A qualcuno - aggiunge la rosea - ha pure mandato una foto per mostrarsi in volto, su un letto al 14esimo piano del Rigshospitalet, struttura ospedaliera d’eccellenza a meno di un chilometro dal Parken Stadium, lì dove il dramma si è consumato sabato sera. "Nelle chiacchierate coi compagni Chris ha battuto su un tema che poi è “il” tema: non si capacita di come sia potuto succedere, non ha il minimo sospetto di cosa lo abbia portato a un passo dalla fine. Adesso che si è aggrappato di nuovo alla vita, per il danese servirà tempo per capire come sia stato possibile. D’accordo con l’equipe medica della nazionale, però, i dirigenti interisti, e di riflesso anche i compagni, non vogliono insistere o sollecitare troppo Chris: adesso è solo il momento di riposare, comprendere, valutare", chiosa Gazzetta