Dopo il successo sull'Udinese, Antonio Conte parla anche a SkySport. "Sono contento per il gol di Sensi. Stefano è un ragazzo che vede il calcio, capisce e questo gli permette anche di trovare soluzioni alternative come quelle di oggi con il 3-4-2-1 - spiega il tecnico nerazzurro -. Contento perché riesce ciò che provi. È mancato però il cinismo per chiuderla. L'Udinese ha confermato tutto quello che dicevo, quindi siamo dovuti stare attenti a non subire le ripartenze: complimenti a Tudor".

Prima dei tre centrali puri: qualche sbavatura?
"Siamo stati sorpresi una volta da Lasagna nel secondo tempo: l'unica che abbiamo avuto, anche se ci poteva costare caro. Stiamo lavorando anche sulle scalate, scivolando in pressione col centrale di parte. Godin è uno di quelli penalizzati dall'infortunio all'inizio della pre-season, era da due mesi che non faceva una partita intera, ma sono felice e non dimentichiamo che l'assist per il gol è suo. Diego non ha giocato con la stessa frequenza degli altri centrali. Dobbiamo anche essere orgogliosi di una vittoria sudata".

Dove vedi i margini più grandi per migliorare?
"Io sono stato chiaro con i ragazzi: quest'anno, chi affronterà l'Inter, farà la gara su di noi. Dovremo essere bravi a creare situazioni e superiorità. Ed è per questo che stiamo lavorando tanto sui tre centrali. Possiamo migliorare anche su tanto altro. Sono curioso di vedere a che punto siamo con tutti, visto che per motivi diversi alcuni non hanno mai giocato con noi in pre-campionato come Godin, appunto, ma anche Lazaro e Sanchez. Stiamo testando i ragazzi in gare ufficiali. Lazaro non l'abbiamo proprio mai visto in partita, Sanchez stesso va verificato. Importante anche aver testato un'altra alternativa tattica. Tutti i ragazzi ci hanno dato grande disponibilità, grande voglia, anche se a volte vediamo il 'braccino'".

I cambi ruolo per ruolo. Magari nella tua testa pensavi ad altro inizialmente?
"Ho voluto mantenere l'assetto tattico iniziale perché ci stiamo lavorando. Abbiamo una difesa a tre, ma è una difesa sempre attiva e lo dimostra l'assist di Godin, a 30 metri dalla porta avversaria. Barella l'ho sostituito perché era ammonito, mentre Lukaku ha avuto un problema alla schiena nel riscaldamento e per questo non è stato brillantissimo. Non possiamo pensare di stravolgere il nostro lavoro: si può essere offensivi anche con quello su cui stiamo lavorando".

Inter al primo posto dopo tre partite.
"Pensiamo a noi stessi. Tre vittorie sudate e così sarà da qui alla fine del campionato. Al di là del risultato, i tifosi devono essere contenti perché i ragazzi hanno dato il 100%. Restiamo con i piedi per terra: noi dobbiamo fare grandi cose, ma le altre devono fare disastri (per vincere lo scudetto, ndr)".

VIDEO - GABIGOL INCANTA IL BRASILE: GOL STUPENDO AL SANTOS

Sezione: Copertina / Data: Sab 14 Settembre 2019 alle 23:32 / Fonte: Sky
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print