Intervistato da Inter Channel, Walter Mazzarri parla alla vigilia di Inter-Valencia, seconda gara della 'Guinness International Champions Cup', che si giocherà domani alle ore 16 locali, le 22 italiane, al MetLife Stadium di New York.

Vigilia di Inter-Valencia, la seconda gara di tre in cinque giorni. Come si gestiscono uomini e risorse?
"Devo ancora decidere la formazione ma probabilmente cambierò almeno 4-5 giocatori, ora vediamo".



Quali indicazioni da Chelsea-Inter?
"Oggi ho proprio fatto una riunione con i ragazzi per fargli vedere - oltre a qualche errore fatto e che bisogna cercare di non fare più - le cose che di buono abbiamo fatto, il gioco che abbiamo espresso, contro una squadra di altissimo livello. Ho visto i ragazzi che sono sempre più coscienti di quello che stiamo facendo, quindi per un allenatore questo è il dato più confortante. Ho fatto vedere loro che abbiamo espresso un bel calcio, che abbiamo creato quattro-cinque palle gol. Tutto è molto positivo, addirittura a mente fredda posso dire che dopo pochissimi giorni che ho questa squadra in mano ho visto delle cose che superano le mie più rosee aspettative".

Contro il Valencia non ci sarà Hugo Campagnaro, José Mourinho nel dopo gara ha detto che agli allenatori nelle amichevoli le espulsioni non servono, perché queste gare servono per lavorare e che quindi sarebbe meglio obbligare la sostituzione di quel giocatore per continuare 11 contro 11.
"Come ho visto in modo positivo il timeout, credo che anche questa sia una buona idea. Ci siamo noi allenatori, se si vede che un giocatore è nervoso, che rischia l'espulsione, basta che l'arbitro ci faccia un cenno e lo togliamo. Ci diano il tempo di levarlo. Io non ho avuto il tempo, anche perché Hugo aveva fatto molto bene e poi è arrivata questa entrata un po' pesante. Avremmo potuto decidere in modo diverso, bastava che l'arbitro si rivolgesse a noi. Bisogna preparare le squadre in questo periodo, il risultato come abbiamo detto non conta ora, conta provare 11 contro 11 quello che dobbiamo provare".

Rispetto ad Amburgo e Chelsea che erano più avanti nella preparazione, il Valencia ha un percorso di lavoro molto simile a quello dell'Inter.
"Il Valencia sarà una squadra molto dura da affrontare perché il calcio spagnolo non dà punti di riferimento, il Valencia è una squadra molto organizzata. Sarà una verifica importante per quando ci saranno le partite a cui dobbiamo arrivare preparati, quelle con i punti: in quest'ottica ci serve limitare i difetti che ora invece possiamo ancora avere".

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 03 agosto 2013 alle 19:34
Autore: Riccardo Gatto / Twitter: @RiccardoGatto1
vedi letture
Print