"Devo avere la percezione di poter battere chiunque". Questo il passaggio forse più importante delle parole di Antonio Conte nell'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. L'ex manager del Chelsea, dopo un anno sabbatico, intende tornare in pista da protagonista, in un club che gli assicuri un progetto vincente fin da subito. E la volontà di tornare in Italia supera di gran lunga la possibilità di restare a lavorare all'estero. Scartata la Roma, in lizza restano solo in due: Inter e Juventus.

Secondo quanto riferisce la Gazzetta dello Sport, in pole ci sono proprio i nerazzurri, con un paradosso di base che riguarda Luciano Spalletti: il tecnico toscano sta lottando con ogni mezzo per confermare il piazzamento Champions raggiunto l'anno scorso e, proprio l'accesso alla massima competizione europea, garantirebbe al club i soldi necessari per decidere il suo esonero e accogliere Conte. Al contrario, l'ex c.t. non potrebbe mai arrivare , poiché il giochino Spalletti out-Conte in costerebbe circa 60 milioni.

Come spiega la rosea, però, resta il nodo Juventus. Agnelli e Allegri hanno parlato di percorso da proseguire insieme, e a breve ci sarà un vertice proprio per definire il tutto. Qualora però Allegri dovesse dire addio ai bianconeri, ecco che Conte diventerebbe in automatico un candidato più che autorevole. Per questo motivo i nerazzurri non hanno ancora affondato il colpo: serve l'accesso sicuro alla Champions e la conferma di Allegri alla Juve.

Il leccese piace tanto alla famiglia Zhang, che per lui ha pronto un triennale da 9 milioni a stagione: c'è poco da discutere, le parti si conoscono perfettamente e il gradimento è reciproco. "C'è riconoscenza per Spalletti, specie per i risultati di campo. Ma è dura resistere alla tentazione di chi pubblicamente ti ha definito un progetto vincente. Quelle parole lasciano il segno", sottolinea la Gazzetta.

VIDEO - DIEGO GODIN, LA LEGGENDA DELL'URUGUAY CHE FECE PIANGERE L'ITALIA

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 8 Maggio 2019 alle 08:15 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print