Quale sarà l'accoglienza per uno che è stato protagonista dei tanti titoli, ma che poi ha rifiutato il rinnovo per accasarsi a zero all'acerrima rivale? Domani sera, sarà una partita speciale per Kwadwo Asamoah, già divenuto un perno dell'Inter. "Finora Spalletti lo ha sempre utilizzato per tutti i match in Champions e in 12 partite di campionato su 14, mandandolo in campo 11 volte dal primo minuto - conferma Tuttosport -. E a parte aver rimediato qualche botta, per ora il ghanese ha sempre risposto presente. Peraltro garantendo sempre un rendimento piuttosto costante. Nelle ultime settimane, semmai, non è stato sempre impeccabile, ma c’è da dire che sta facendo gli straordinari. A Torino dovrebbe comunque essere accolto da applausi. Per tutti gli ex che si sono ripresentati di fronte alla Juve da avversari, infatti, l’accoglienza dello Stadium è sempre stata la medesima. Padoin, Quagliarella, Matri, per esempio, sono stati tutti applauditi. È pur vero, però, che Asamoah tornerà allo Stadium non come giocatore di una squadra qualsiasi, ma con la maglia dell’Inter addosso, l’arcirivale storica. Dettaglio affatto trascurabile e senza precedenti nei ritorni menzionati. Infatti una bella fetta di tifosi non ha proprio gradito la scelta di Asamoah sulla destinazione dove continuare la propria carriera. E anche qualche dichiarazione nei primi tempi del diretto interessato non è piaciuta molto. Non dovrebbe però essere abbastanza per scatenare una contestazione da bordate di fischi alla lettura delle formazioni. È più verosimile pensare che ci saranno comunque applausi, anche se non scroscianti perché è pur sempre difficile spellarsi le mani per un calciatore dell’Inter. Quantunque la storia di Asamoah alla Juve, dall’inizio alla fine, sia stata fatta solo di ricordi belli".

Sezione: Rassegna / Data: Gio 6 Dicembre 2018 alle 09:30 / articolo letto 2511 volte / Fonte: Tuttosport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni