news

Konsel: “Italia tra le favorite, ma con l’Austria non sarà facile. Arnautovic? Anche lui festeggiò il Triplete”

Konsel: “Italia tra le favorite, ma con l’Austria non sarà facile. Arnautovic? Anche lui festeggiò il Triplete”

Intervistato dal Corriere dello Sport, Michael Konsel, ex portiere austriaco di Roma e Venezia, parla della prossima sfida tra la sua Nazionale e l'Italia a Euro 2020. Un austriaco amico dell’Italia. Sabato che partita...

Alessandro Cavasinni

Intervistato dal Corriere dello Sport, Michael Konsel, ex portiere austriaco di Roma e Venezia, parla della prossima sfida tra la sua Nazionale e l'Italia a Euro 2020.

Un austriaco amico dell’Italia. Sabato che partita sarà? "Una sfida fantastica, partita bellissima. Per me l’Italia è la grande favorita dell’Europeo, ha dimostrato di essere una grandissima squadra. Mancini è bravo, gli azzurri giocano bene, hanno battuto tutti i record. Seguo l’Europeo, lo commento per Kronen Zeitung sul giornale e in tv. L’Italia è una delle squadre più forti".   Sabato a Londra sarà diverso rispetto agli incroci nel 1990 e 1998?"Non sarà facile per l’Italia. Gli azzurri sono più freschi, hanno riposato un giorno in più e nell’ultima partita contro il Galles hanno giocato con le riserve. L’Austria è una bella squadra, molto forte a centrocampo, con Laimer, Schlager e Grillitsch. Il punto di forza è il centrocampo, anche la difesa è solida. L’attacco è così e così. Questo Kalajdzic è giovane, farà una bella carriera, è alto, bravo di testa e con i piedi. Tecnicamente è forte, ha doti di opportunista in area, ha il gol nel sangue. Prima di andare allo Stoccarda, anche all’Admira ha fatto benissimo. Se la Roma lo segue non sbaglia".  Il titolare è Arnautovic. "Non è facile giocare contro di lui per nessun difensore. Fisicamente è forte, ha fantasia, fa cose che a volte non si capiscono. E’ stato giovanissimo all’Inter, con Mourinho. Fece poche partite ma festeggiò anche lui il Triplete. Ha qualità, ma ha giocato in Cina e ha fatto pochi allenamenti. Se sta bene è capace di fare la differenza. Io penso che in attacco giochi lui, l’Austria sarà la stessa che ha battuto l’Ucraina".   Ha un punto debole la squadra di Foda? "E’ difficile che prenda gol, ma in attacco forse manca qualcosa. Finora abbiamo fatto abbastanza bene. Siamo già molto contenti di questo risultato, non abbiamo mai fatto un Europeo così. Non abbiamo niente da perdere, possiamo solo vincere. E’ la condizione ideale. L’Italia è la grandissima favorita, ma noi abbiamo una chance, nel calcio non si sa mai".  Quali sono le altre favorite oltre all’Italia? "Belgio, ma anche Francia e Germania".   Hai saputo che la Roma ha preso Mourinho? "E’ un allenatore e un uomo molto speciale. Non lo conosco personalmente, non ho mai giocato contro di lui. Vediamo, finora non mi pare che siano arrivati acquisti, ma oltre a un grande allenatore ci vogliono i giocatori. Mourinho è importante per i tifosi e per l’ambiente. Sono sicuro che cercherà i giocatori giusti, vuole ancora vincere, questa è la sua mentalità".