Il secondo posto come il primo dei perdenti? Così la pensa Antonio Conte, ma tra arrivare alle spalle di chi vince e finire al quarto posto c'è una differenza soprattutto economica. Come sottolinea il Corriere dello Sport, che indirettamente risponde al tecnico nerazzurro, la cifra quantificabile che differenzia il secondo e quarto è riconducibile a circa 15 milioni prendendo in esame l'ultima Serie A. "Peraltro, quel piazzamento andrà ad incidere anche sulle annate a venire, visto che sono previste quote anche per lo storico (5%) e per l’ultimo quinquennio (10%) - spiega il Corsport -. Infine, ci sono i premi Champions, collegati al market-pool, che prevedono come parametro, oltre al percorso fatto nella competizione, anche il piazzamento nel proprio campionato (40, 30, 20 o 10%).

Insomma, non si sbaglia a immaginare che tra secondo o quarto posto possano ballare non meno di una quindicina di milioni". Guadagni che l'Inter potrebbe investire ad esempio sul mercato. "E allora sarà il caso che pure Conte se ne faccia una ragione e capisca in fretta quanto è importante quel tesoretto, visto che si aspetta di avere un’Inter ancora più forte", punge il CdS.

Sezione: Focus / Data: Sab 25 luglio 2020 alle 08:38 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
vedi letture
Print