focus

Altobelli: “Non vedo Conte rilassato. Scudetto? L’Inter non ha nulla da invidiare alle altre”

Altobelli: “Non vedo Conte rilassato. Scudetto? L’Inter non ha nulla da invidiare alle altre”

"In questo momento, Conte deve cercare di affidarsi a un undici ben studiato per ottenere sul campo quello che tutti si aspettano di vedere dall'Inter". Lo ha detto Alessandro Altobelli, ex bomber nerazzurro, parlando in...

Mattia Zangari

"In questo momento, Conte deve cercare di affidarsi a un undici ben studiato per ottenere sul campo quello che tutti si aspettano di vedere dall'Inter". Lo ha detto Alessandro Altobelli, ex bomber nerazzurro, parlando in esclusiva al Giornale.it. Spillo, poi, continua la sua analisi sul momento di Lukaku e compagni parlando del 'nuovo' Antonio Conte che si sta vedendo in questa stagione: "Alla Juventus, in tutte le sue esperienze e pure lo scorso anno si muoveva molto di più, strillava, urlava forse anche perché fino a pochi mesi fa c'era anche il pubblico ed era più dura farsi sentire... L'altra sera ero a San Siro per Inter-Borussia Moenchengladbach e già ora se parla piano lo senti fino in tribuna (ride; ndr), non c'è più bisogno di urlare forse. Non lo vedo rilassato, ma al Conte dello scorso anno manca un po’ di mordente, questo sì".

L'inizio a ostacoli comunque non pregiudica le chance scudetto dell'Inter: "Difficile dire se la squadra sia da titolo, ma penso che si ritorna alla normalità sicuramente ci sono buone possibilità per farcela. I giocatori per scalare la classifica ci sono, perché non è normale essere a cinque punti di distanza dal Milan dopo quattro giornate e aver pareggiato all'esordio in Champions League. Il calcio però è così e se dovessi scommettere qualcosa sui nerazzurri ovviamente lo farei perché come rosa non hanno nulla da invidiare a nessuno, anzi...".

Parlando di obiettivi, molto se non tutto si regge sulle spalle di Conte: "Se rimarrà anche nella prossima stagione? Dipenderà molto da come andrà questo campionato, se non vince lo scudetto o non arriva nelle prime due posizioni e fa male in Champions League può succedere di tutto. Gli allenatori dipendono dai risultati e ovviamente finisse il campionato oggi Conte sarebbe licenziato".

Altobelli, da grande attaccante, chiosa l'intervista con un pensiero sull'avvicendamento tra Lukaku e Icardi come punto di riferimento offensivo dell'Inter: "Icardi ha fatto delle grandi stagioni all’Inter con 124 reti, l’Inter l’ha pagato poco e l'ha venduto a molto. Per me è stato un ottimo acquisto ai tempi e ora posso dire che il club l’ha sostituito più che degnamente con Lukaku che non lo sta facendo rimpiangere affatto. Romelu è un giocatore staordinario, merita tutti i complimenti che gli stanno facendo e sono certo che farà ancora meglio".