"Il fattore Conte ha stravolto l’Inter facendola tornare a essere la squadra vincente dell’anno del triplete e delle stagioni con Mancini in panchina. Antonio come Mou e il Mancio. Anzi, sotto il profilo delle vittorie nelle prime 14 giornate, il tecnico di Lecce ha già fatto meglio visto che nella storia nerazzurra nessuno, neppure Olivieri nel 1950-51, era mai arrivato a quota 12". I numeri record sono sottolineati una volta di più dal Corriere dello Sport, che ribadisce l'impatto estremamente positivo del tecnico salentino. 

"Il metodo del “martello” Conte, che sta sempre addosso ai giocatori e li spinge a dare il massimo in ogni allenamento, è noto come l’attenzione maniacale che ha per i particolari (alimentazione, sedute video collettive e individuali, tabelle personalizzate di lavoro, studio attento dei dati in allenamento attraverso la tecnologia ecc) - si legge -. Il lavoro psicologico sui singoli però è altrettanto importante: Ranocchia e Borja Valero finora sono stati utilizzati poco, ma in allenamento mettono grande intensità e quando sono stati chiamati in causa hanno risposto presenti, Candreva e Gagliardini sono stati rilanciati, D’Ambrosio e Brozovic hanno innalzato il loro rendimento, Martinez è addirittura esploso, mentre Bastoni ed Esposito sono stati lanciati con coraggio. E poi ci sono i nuovi acquisti che si sono integrati in fretta come dimostrano gli 11 centri di Lukaku e il rendimento di Barella e Sensi. Conte ha l'Inter in pugno".

VIDEO - IL TORO ESALTA TRAMONTANA: DOPPIETTA DA URLO

Sezione: Rassegna / Data: Mar 3 Dicembre 2019 alle 09:47 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print