A Torino, contro la Juve, servirà più che mai una fase difensiva di altissimo livello. "Lo scorso anno a Torino, Spalletti riuscì a fermare gli uomini di Allegri sullo 0-0 e con quel risultato rinviò di qualche giorno il loro sorpasso in classifica, mentre adesso la distanza è molta (11 lunghezze) - si legge sul Corriere dello Sport -. In campionato, nonostante i 6 gol messi al passivo nelle ultime 2 trasferte, la media delle reti subite è un po’ migliore rispetto alla Champions (12 in 14 match disputati) perché in precedenza la fase difensiva è stata più efficace. Finora l’Inter ha collezionato 7 clean sheet ovvero 7 incontri nei quali la sua porta è rimasta imbattuta. Non ha fatto meglio neppure la Juventus (7). Il Napoli, avanti in classifica di 3 punti rispetto ai nerazzurri, ne ha messe insieme 5. Spalletti però deve risolvere il problema dei gol lontano dal Meazza evidenziato dalle sfide contro Atalanta e Roma, due match nei quali i suoi hanno concesso più del solito anche in termini di occasioni. E considerato che di fronte ci saranno CR7 e una Juventus affamata, il muro formato da De Vrij e Skriniar dovrà essere più che mai compatto. I due, favoriti su Miranda, hanno mostrato di essere affidabili e contro il Tottenham e la Roma hanno tenuto benino senza però essere perfetti come erano stati in passato. Stavolta dovranno tornare su livelli d’eccellenza perché il portoghese ex Real, al primo derby d'Italia, non perdona e vuole lasciare il suo marchio". 

Sezione: Rassegna / Data: Gio 6 Dicembre 2018 alle 09:20 / articolo letto 3124 volte / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni