Finalmente Kristjan Asllani. L'improvviso stop di Brozovic spalanca le porte della titolarità al giovane albanese, oggi in campo dal 1' in Inter-Roma con il complicato compito di non far rimpiangere Epic Brozo. Il Corriere dello Sport parla di un "battesimo di fuoco" per il classe 2002, considerando il momento delicato della squadra nerazzurra. "Ma lo scorso anno ha dimostrato, nonostante i vent’anni, di avere la personalità per reggere la pressione - aggiunge il giornale romano -. La buona impressione destata durante l’estate aveva autorizzato a credere che sarebbe stato coinvolto di più. Quando è cominciato il calcio vero, invece, come già evidenziato, è rimasto spesso a guardare. Anche perché Inzaghi ha subito messo in chiaro di considerarlo solo il vice Brozovic e non un’opzione in più pure come mezz’ala.

Ma ora il gioiellino albanese ha davvero l’occasione per prendersi la scena. Anche le previsioni più ottimistiche, infatti, indicano che il croato salterà almeno 6 partite (l’obiettivo è riaverlo con il Viktoria Plzen il 26 ottobre): magari , non le giocherà tutte, ma potrà guadagnarsi un credito importante per il futuro". 
 
L'alternativa ad Asllani sarebbe l’arretramento di Mkhitaryan, una soluzione che secondo il Corsport potrebbe verificarsi a gara in corso in caso di necessità, altrimenti se ne riparlerà martedì par la sfida di Champions con il Barcellona: questa sera l'armeno si giocherà il posto con Calhanoglu, recuperato a differenza di Lukaku. "A questo punto si può dare per scontata, o quasi, l’assenza di Big Rom anche martedì con il Barcellona. Da inizio settimana, si lavorerà in vista del match di sabato con il Sassuolo. Al momento, però, non si possono avere certezze", si legge. Resta da sciogliere anche il dubbio in difesa tra De Vrij e Acerbi, con il primo in leggero vantaggio. 

Sezione: Focus / Data: Sab 01 ottobre 2022 alle 08:45
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
vedi letture
Print