Missione compiuta. L'Inter esce da Empoli con un risultato meritato e una prestazione assolutamente convincente, dando così seguito al grande successo ottenuto domenica pomeriggio contro la Juventus. Una prova di maturità per gli uomini di Frank de Boer, che può essere ovviamente soddisfato sia per il gioco offerto dai suoi che per una classifica (nerazzurri a quota 10 punti) che ora sorride. Come di consueto, lo stesso allenatore olandese si presenta in sala stampa nell'immediato post-match, con le sue dichiarazioni riprese dall'inviato di FcInterNews.

Sembra che ormai in questa Inter ci siano 15-16 titolari: è d'accordo?
"Posso impiegare tanti giocatori, questo è vero. Sono tutti pronti per scendere in campo. Fisicamente stanno bene, ma non c'è bisogno di cambiare troppo da una partita all'altra. Abbiamo tante gare ravvicinate, tutti avranno la propria chance di giocare".

In questo momento Icardi è l'attaccante migliore del campionato?
"Sì, lui è molto importante per noi. Ma lo stesso vale per gli altri. Ho visto una squadra con il giusto atteggiamento, soprattutto nel primo tempo. Non dimentichiamoci che abbiamo speso molte energie contro la Juventus, ma stasera abbiamo risposto. Dobbiamo continuare così".

Joao Mario che tipo di giocatore le ricorda?
"Lo abbiamo comprato perché è molto forte, sa impostare e recuperare molti palloni, ma non voglio fare paragoni con qualche giocatore del passato in particolare".

A che punto è la crescita della sua squadra?
"Abbiamo giocato con la giusta concentrazione e con l'atteggiamento ideale, proseguendo dopo la vittoria con la Juventus. Era normale entrare in campo concentrati contro i bianconeri, ma volevo vedere altrettanto anche questa sera".

Come si sente in questo momento?
"Sono sempre lo stesso, lo stesso uomo e lo stesso allenatore. Io credo nella nostra filosofia, lavoriamo duramente ogni giorno. Vogliamo migliorare sempre, tutti insieme".

Quanto crede in Nagatomo?
"Ha avuto di recente un problema fisico che lo ha fermato, seppur non grave. Lui è un ottimo giocatore, ho preso altre decisioni, ma sono contento di lui. Lavora sempre duramente e nel modo giusto, arriverà anche il suo momento. Ma io devo comunque fare delle scelte".

FcIN - Secondo lei questa Inter ha qualcosa in meno rispetto a Napoli e Roma?
"Io sono un allenatore che non si accontenta mai, si può sempre migliorare, partita dopo partita. Anche stasera abbiamo fatto tante cose nel modo corretto, ma c'è sempre da migliorare. Noi puntiamo a controllare la gara per tutti i 90', e devo dire che stasera non lo abbiamo fatto".

Prima gara senza aver concesso gol all'avversario: sta migliorando anche la fase difensiva?
"Certo, normale che match dopo match la difesa e la fase difensiva stiano migliorando".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 21 Settembre 2016 alle 23:43 / Fonte: Empoli (FI) - Dall'inviato allo stadio 'Carlo Castellani'
Autore: Francesco Fontana / Twitter: @fontafrancesco1
Vedi letture
Print