L'eventuale divorzio tra l'Inter e Lautaro Martinez si consumerà solo se sarà l'argentino a fare il primo passo verso l'addio. Lo ha fatto capire ieri Beppe Marotta, ad dei nerazzurri, nei giorni in cui si fa un gran parlare del Barcellona che ha messo gli occhi sul Toro: "L’Inter non deve avere nulla da invidiare agli altri, i giocatori vanno via quando indicano loro la strada - le parole a Sky Sport del dirigente varesino - Martinez è molto giovane e gli interessa indossare questa gloriosa maglia e crescere". Il richiamo del connazionale Messi - sottolinea Tuttosport - è forte ma il club milanese, al momento, forte di un contratto sino al 2023, rimane in una posizione d'attesa. La palla passa quindi all'argentino e al suo entourage consapevoli che l'Inter non intende scendere dalla clausola rescissoria di 111 milioni di euro. Il paradosso è che il Barça, non intendendo pagarne l'entità per ragioni legate al Fair Play Finanziario sarebbe disposto a ipervalutare il cartellino dell'attaccante sino a 150 milioni ma inserendo però delle contropartite tecniche che garantirebbero al club blaugrana altrettante plusvalenze. Da questo punto di vista Marotta è anche disposto a sedersi al tavolo con il Barcellona ma vuole che venga inserito il cartellino di Griezmann. Se fosse impossibile arrivare al centravanti francese, i giocatori che piacciono a Conte non mancano. Oltre al nome di Vidal, non è da escludere un ritorno di fiamma per un ex, di rientro alla base catalana dopo il prestito non fortunato al Bayern Monaco: si tratta del brasiliano Coutinho.

VIDEO - TANTI AUGURI A... - ADRIANO, L'IMPERATORE: TUTTE LE MAGIE DI UN CAMPIONE DOMINANTE

Sezione: Focus / Data: Lun 17 Febbraio 2020 alle 08:50
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print