Alla vigilia della sfida in campionato contro il Bologna, l'allenatore nerazzurro Luciano Spalletti ha parlato - poco prima della conferenza stampa - ai microfoni di InterTV riguardo lo stato attuale della sua squadra: "Lo stato mentale del gruppo? La squadra reagisce bene, è professionale. C'è uno schema da seguire: si torna al campo, si fa l'analisi corretta di quello che è avvenuto nell'ultima partita e poi si va dentro alle cose che sono successe. Allo stesso tempo, si ripetono quelle certezze di lavoro che si hanno per prepararsi per la partita successiva".

Contro il Bologna si aspetta una partita simile a quella dell'anno scorso?
"Non so se troveremo le stesse difficoltà oppure no: lo vedremo con lo scorrere della partita. Noi dobbiamo arrivare a questa sfida con la forte convinzione di andare a portare a casa tre punti: per noi sarebbe una vittoria fondamentale. Ci troviamo davanti a una squadra che, con il cambio di allenatore, sarà convinta della propria forza. Tutte le partite sono un po' difficili: questa, per il momento e per quello che è successo negli ultimi giorni, lo sarà di più".

Il Bologna ha esonerato Inzaghi: con Mihajlovic si vedranno cose diverse?
"Sicuramente sì: da un punto di vista caratteriale, l'allenatore nuovo ti porta sempre nuove idee e nuovi comportamenti, basandosi sulla reazione di quelli che fino ad un certo punto avevano fatto male e che adesso con il cambio di tecnico si sentono più puliti delle responsabilità che avevano precedentemente".

La formazione sarà diversa da quella schierata contro la Lazio?
"Qualche cosa potremo cambiare: le partite sono così ravvicinate che diventa impossibile recuperare nella completezza. A questo va aggiunto anche quello che è accaduto precedentemente".

Sezione: Focus / Data: Sab 2 Febbraio 2019 alle 14:19
Autore: Andrea Pontone / Twitter: @_AndreaPontone
Vedi letture