"Juve e Inter sono due squadre che hanno fatto la storia del calcio assieme al Milan. Bisognerà prepararsi al meglio contro una squadra che è cresciuta in autostima, al momento è la nostra antagonista con il Napoli". Dalla sala stampa dell'Allianz Stadium, Massimiliano Allegri, tecnico bianconero, inquadra così il derby d'Italia in programma domani sera contro la squadra di Luciano Spalletti. 

Le dà fastidio il rumore dei nemici che sperano nel passo falso della Juve?
"Mi lascia indifferente, anche perché dobbiamo proseguire il nostro percorso con molta calma. I numeri dicono che la Juve ha ammazzato il campionato, ma quest'ultimo va vinto a maggio. Per arrivare a 90 punti, devi fare attorno alle 30 vittorie, quindi giocare 30 partite. Che poi tutti tifino contro la Juve è normale, alcuni credono che ci possa essere più battaglia in chiave scudetto. Tra domani e mercoledì è più importante la seconda: domani ci giochiamo una partita, con lo Young Boys il primato nel girone".

Cancelo domani giocherà a sinistra?
"Non lo so ancora, Joao ha fatto bene lì contro la Fiorentina con De Sciglio a destra". 

Juve irraggiungibile, in Italia ci si accontenta del secondo posto?
"No, perché Ancelotti dice che ha grandi chance. Noi dobbiamo giocare due scontri diretti contro l'Inter e uno a Napoli. Ma bisogna fare un passo alla volta, nei prossimi 23 giorni dobbiamo fare tanto. E' normale che per fare 90 punti, bisogna essere bravi a dare continuità e migliorare le prestazioni". 

Emre Can sarà convocato?
"Sta bene, è voglioso e magari potrà giocare un pezzo di partita". 

Benatia al posto di Bonucci per contrastare Icardi? Come sta la squadra?
"In difesa e davanti devo valutare oggi, Bentancur ha avuto un problema alla schiena giochiamo a due in mezzo o inserisco Emre Can". 

Punto debole e forte dell'Inter.
"E' una squadra che gioca e che tende ad allungarti per poi attaccare gli spazi. Poi hanno Icardi che è un finalizzatore straordinario. Punti deboli? Dobbiamo metterli in evidenza noi".

Inter più completa del Napoli?
"Il Napoli ha fatto 91 punti, sono gli stessi dell'anno scorso e hanno messo dentro Fabian Ruiz e l'approccio nuovo di Ancelotti. Gli azzurri sono pericolosissimi, mentre i nerazzurri sono in crescita e hanno un allenatore bravo. Hanno Icardi, Joao Mario, Politano, Brozovic e Perisic che sono tutti tecnici; poi hanno preso Asamoah che è uno dei migliori terzini in circolazione. E' una squadra seria". 

Un parere su Spalletti.
"Ha fatto grandi cose in Russia e alla Roma: bisogna fargli i complimenti". 

Che partita è domani?
"Domani si prepara da sola, è come una grande sfida di Champions". 

 

Sezione: L'avversario / Data: Gio 6 Dicembre 2018 alle 12:37 / articolo letto 4958 volte
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari