Nell'edizione cartacea del Corriere della Sera di oggi trova spazio un corsivo a firma Cristiano Gatti nel quale si puntano i riflettori soprattutto sulla figura di Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi confermata ieri nel proprio ruolo di procuratrice dallo stesso attaccante attraverso i social. "Potrebbe essere che il vero problema non sia convincere Icardi a restare all’Inter, ma sua moglie a Milano. Vista da questa ipotesi, la trattativa allora si presenta davvero in salita. Se la sciura Wanda ha già sposato il progetto dello shopping a Madrid o a Barcellona, piuttosto che a Parigi o a Londra, se cioè la Milano da bere le è venuta a noia, o l’ha già bevuta tutta, conviene prepararsi all’escalation degli ostacoli, fino all’inaudito no finale. La moglie, qualsiasi moglie, sa come trattare in certe trattative. Fomenterà e tormenterà a tal punto il procuratore, che a quest’ultimo resterà una sola possibilità: lasciare Milano e cercare una nuova squadra".

Dal canto suo "l’Inter non può neppure pretendere di cambiare l’interlocutore a proprio piacimento: Icardi si fida e si affida, ha messo il suo destino nelle mani della compagna, lei svolge al massimo il proprio lavoro. Prendere o lasciare. Quanto prima capiranno tutti cosa c’è sotto davvero. Al momento, è chiara e pacifica una sola verità: in casa Icardi è Wanda che porta le scarpe bullonate. Resta solo da capire se comanda più la moglie o il procuratore".

Sezione: Rassegna / Data: Ven 11 Gennaio 2019 alle 10:32 / articolo letto 5602 volte
Autore: Mattia Todisco