Tanti i temi affrontati dal presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, sulle frequenze di Radio Kiss Kiss nel postpartita di Napoli-Inter: "Ancelotti è stato messo continuamente in competizione con Sarri, invece ha lavorato tantissimo per il Napoli e per progettare la squadra dell’anno prossimo. E' stato un secondo posto con 13 punti di vantaggio sull'Inter, siamo una seconda Juventus. I punti con i bianconeri magari possono essere in finale anche sotto i 10 punti. Abbiamo bisogno di mettere a posto attacco e terzini, quando saranno messi a posto allora avremmo fatto un passo in più. Una certa parte di tifoseria guarda sempre alla Juventus, noi dobbiamo fare il nostro campionato e non dobbiamo vedere sempre in casa della Juventus che va avanti da 120 anni con la stessa società e sono sempre stati molto aiutati perché sono stati, da altri punti di vista, i padroni dell’Italia".

Poi continua nell'analisi: "Napoli non ha le stesse risorse di Torino e quindi bisogna usare il cervello per prendere le persone giuste. Lì fanno 5 milioni di incassi con l'Ajax per 35mila posti, noi 2 milioni con 40mila. Un certo tipo di tifoso, però, vorrebbe che uno si indebitasse per prendere Messi e Icardi per rispondere all’acquisto di Ronaldo. È difficile convincere alcuni giocatori e alcune mogli a venire a Napoli perché la città non gode di ottima pubblicità per il clima di serenità e di giustizia che si respira. Abbiamo 40 milioni di tifosi che ci apprezzano e possiamo diventare 80 milioni perché dobbiamo esplorare ancora Oriente e Australia. 80 milioni sono tanti, non sono i 500 della curva che contestano”. 

Sezione: L'avversario / Data: Dom 19 Maggio 2019 alle 23:29 / Fonte: tuttonapoli.net
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print