"Centoventi minuti per una parziale sentenza. Almeno di primo grado, mettiamola così. Nell’Inter giocano quasi sempre i soliti perché chi dovrebbe spingere per superarli nella gerarchia interna evidentemente non è ancora pronto. Le prestazioni di Dalbert, Karamoh e in parte quella di Cancelo hanno mostrato un distacco più che altro mentale da tutto il resto del gruppo". Questa l'analisi della Gazzetta dello Sport dopo il successo dei nerazzurri ai rigori sul Pordenone. "Nella serata decisamente pessima finisce anche Pinamonti, all’esordio da titolare con Spalletti - aggiugne la rosea -. Poco servito, l’attaccante ha mostrato movimenti alla Icardi senza però avere l’occasione di far vedere se anche lui come il capitano sa trovare la porta.

L’ingresso di Mauro e di Perisic nel finale hanno confermato che per alzare il livello servono loro. Che poi sia un discorso mentale, di condizione o di tecnica lo dirà solo il tempo. Da oggi la testa torna sul campionato. La settimana prevede un altro ostacolo friulano, questa volta l’Udinese di Oddo. Il Meazza risponderà presente come ieri. Il pubblico, quello sì, non ha subito alcun calo d’attenzione".

Sezione: Rassegna / Data: Mer 13 dicembre 2017 alle 09:58 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
vedi letture
Print