VERSIONE MOBILE
 Giovedì 19 Gennaio 2017
22 Gen 2017 15:00
Serie A TIM 2016-2017
  VS  
Palermo   Inter
[ Precedenti ]
PALLONE D'ORO NERAZZURRO - INTER-BOLOGNA, CHI È STATO IL MIGLIORE?
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

LA RUBRICA

The Polemic One - Codice etico, il solito minestrone all'italiana. È indigestione

15.05.2014 00:30 di Alessandro Cavasinni Twitter:   articolo letto 6018 volte
The Polemic One - Codice etico, il solito minestrone all'italiana. È indigestione

Codice etico. Queste due paroline ormai sono entrate nel vocabolario comune di ogni italiano appassionato di calcio, quindi di milioni di persone. Il codice etico è stato istituito da Cesare Prandelli, il commissario tecnico della Nazionale. Una sorta di vademecum su come ci si debba comportare per essere degni di vestire la maglia azzurra. La volontà era quella di mettere un freno agli atteggiamenti talvolta eccessivi di ragazzi che, al di là di giocare a pallone e guadagnare milioni di euro, tali restano.

In questo codice etico rientra un po' di tutto, dai comportamenti in campo all'uso dei social-network, fino alle dichiarazioni a mezzo stampa. Una sorta di regolamento interno. Qualcuno sano di mente si sarà chiesto: qual è la grande novità? In effetti, nessuna. Tutti i gruppi – che si tratti di aziende, squadre di calcio o famiglie – hanno un codice comportamentale, scritto o tacito che sia, dalla notte dei tempi. Regole del vivere comune, nel rispetto di leggi universalmente riconosciute. E allora perché si è deciso di sbandierare ai quattro venti questo famigerato codice etico? Escludendo il masochismo, si potrebbe asserire che in un momento in cui la Nazionale non riscuote il massimo dei consensi si è optato per una sorta di ''operazione simpatia''. Che però si è ben presto trasformata in un boomerang nocivo per il ''povero'' Prandelli, tirato già abbondantemente per la giacca da ogni dove come ogni buon Ct azzurro che si rispetti.

C'è bisogno di un codice etico per non convocare un tizio che si comporta da feroce maleducato? C'è bisogno di un codice etico per non chiamare qualcuno che non fa il bene del gruppo? Ovvio che no. E la situazione si è complicata enormemente quando il mirino si è spostato anche sui falli di gioco. Uno che viene espulso per un qualsiasi fallo già paga in campionato: perché mai dovrà essere punito anche in Nazionale? Sarebbe come essere squalificati in Champions o in Europa League per un rosso in Serie A. Senza senso. Anche perché i falli di gioco sono contemplati e fanno parte dello sport. E in quell'ambito specifico vengono sanzionati. Stop. Non si tratta di etica, si tratta – per l'appunto – di sport.

L'etica è ben altro. L'etica, nello sport, ci entra per vie traverse: truccare una partita, comprare arbitri, falsificare passaporti, proferire insulti razzisti, dichiararsi politicamente in favore di ideologie anticostituzionali. Qui andrebbe applicato davvero un codice etico. Solo e soltanto in questi casi.

E invece, magari, in Nazionale ci ritroviamo gente dichiaratamente fascista oppure omofoba, mentre ci arrovelliamo il fegato e ci poniamo mille domande sul fatto se sia giusto o meno tener fuori qualcuno per un normalissimo (per quanto violento) fallo di gioco. Insomma, il solito minestrone all'italiana di cui proprio non avvertivamo il bisogno. Avevamo già fatto indigestione.


Altre notizie - La Rubrica
Altre notizie
 

IL COLPO DELLA SVOLTA. SOLAMENTE LUI

Il colpo della svolta. Solamente luiIl colpo della svolta. Solamente lui. Marco Verratti da Pescara, classe '92 da anni pilastro indiscusso del Paris Saint-Germain. Lo vogliono tutti, ci pensano tutti, lo sognano tutti. Inter e Juventus in Italia, Bayern Monaco in Bundesliga, Real Madrid e Barcellona nella Liga...
Da Zero a Dieci - Un 9 casalingo da paura, Palacio timbra alla quinta. Joao Mario, la generosità vale seiUNO - Le partite dal 1' minuto di Gabigol. Il giovane brasiliano non ha espresso tutto il suo potenziale, ma nei 71 minuti in campo, suo record personale, ha fatto intravedere la sua qualità. E' ancora (giustamente) un po' un pesce fuor d'acqua, ma ha tutto...

FCIN - SANTON, LA SAMP ATTENDERÀ UN'ALTRA SETTIMANA

FcIN - Santon, la Samp attenderà un'altra settimanaContinua il pressing della Sampdoria sull’Inter con l’obiettivo di portare in blucerchiato Davide Santon....

INTER-CHIEVO - ICARDI BARRACUDA, PERISIC IN CRESCENDO. JOAO MARIO INEFFICACE

Inter-Chievo - Icardi barracuda, Perisic in crescendo. Joao Mario inefficaceHANDANOVIC 6 - Non ha colpe sul gol di Pellissier, al quale replica bene in avvio di ripresa. Il resto è normale...

IL CALCIO PARALLELO - IL MILIONE DI MARCO PIOLO: L'INCONTRO CON ERNEST PAO LEE LIU E LA NASCITA DELL'INTERMILANESE

Il Calcio parallelo - Il Milione di Marco Piolo: l'incontro con Ernest Pao Lee Liu e la nascita dell'Intermilanese"Il posto dovrebbe essere questo". Marco Piolo si asciugò la fronte sudaticcia e guardò Piero,...

INTER-CHIEVO - GAGLIARDINI, ESORDIO CHE VALE IL PRIMO POSTO. SPLENDIDO TESTA A TESTA CON KONDOGBIA

Inter-Chievo - Gagliardini, esordio che vale il primo posto. Splendido testa a testa con KondogbiaSplendido duello tra i due centrocampisti titolari dell'Inter contro il Chievo Verona, nel sondaggio di giornata del...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 19 Gennaio 2017.
 
Juventus (-1) 45
 
Roma 44
 
Napoli 41
 
Lazio 40
 
Milan (-1) 37
 
Inter 36
 
Atalanta 35
 
Torino 30
 
Fiorentina (-1) 30
 
Cagliari 26
 
Chievo Verona 25
 
Udinese 25
 
Sampdoria 24
 
Genoa 23
 
Bologna (-1) 23
 
Sassuolo 21
 
Empoli 18
 
Palermo 10
 
Crotone (-1) 9
 
Pescara (-1) 9

   Editore: FC-NEWS snc. Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI