FcIN - Sabatini da Suning: chiederà anticipo sul budget estivo

 di Filippo M. Capra Twitter:   articolo letto 54413 volte
FcIN - Sabatini da Suning: chiederà anticipo sul budget estivo

Non appare casuale lo sfogo, quasi di nervi, da parte di Luciano Spalletti al termine di Fiorentina-Inter. Il tecnico nerazzurro, soprattutto ai microfoni di Premium Sport, ha infatti evidenziato il proprio malessere di fronte alle continue domande sul mercato invernale, ribadendo ancora una volta che la situazione è chiara, e l'Inter non può vantare margini di spesa in questo mese. In realtà, alla base delle sue parole c'è dell'altro: secondo quanto risulta a FcInterNews, infatti, Spalletti ha manifestato disappunto alla dirigenza nerazzurra, sottolineando come le sue richieste, e le relative promesse da parte di Suning, siano rimaste del tutto inevase in estate e sembrino destinate a non essere accontentate anche in questo mese. Le sue perplessità hanno trovato pieno appoggio in Ausilio e Sabatini, tanto che quest'ultimo volerà a Nanchino per far presente alla proprietà che la rosa nerazzurra è corta, troppo più corta rispetto a quella delle dirette concorrenti per la zona Champions, e che continuando così si farebbe sempre più concreto il rischio di restare col cerino in mano a fine stagione, per l'ennesima volta fuori dall'Europa che conta.

Suning, dal canto suo, ha già promesso a dirigenza e tecnico un margine di manovra ben più ampio nella prossima estate, con notevole disponibilità di investimento per arrivare a 3-4 giocatori di livello. In quest'ottica, Sabatini, sempre più uomo di connessione tra la proprietà e il mondo nerazzurro, chiarirà agli uomini di Suning che tale disponibilità rischierebbe di risultare vana in mancanza di un piazzamento Champions, dal momento che a quel punto molti degli obiettivi per l'estate sceglierebbero verosimilmente di accasarsi altrove, rendendo difficile la costruzione di un mercato di qualità anche in presenza di fondi. In quest'ottica, l'ex dirigente della Roma chiederà un 'anticipo' sul budget estivo, una somma di circa 20-30 milioni che l'Inter possa sfruttare già in questo mese di gennaio al fine di competere con una rosa più completa e più profonda per il quarto posto. L'ex Roma, insieme allo stesso Spalletti, sa bene infatti proprio grazie ai suoi trascorsi giallorossi che un regime di autofinanziamento difficilmente consentirà all'Inter di uscire dalle sabbie mobili che la tengono fuori dal calcio di vertice europeo: un'iniezione, seppur minima, di danaro fin dal mese di gennaio viceversa consentirebbe ai nerazzurri di arrivare all'obiettivo con maggiore sicurezza, e dunque accelererebbe il rientro dell'Inter nel circolo virtuoso che dovrebbe condurla, secondo i desideri della proprietà stessa, di nuovo tra i top club europei in tempi relativamente brevi.