Secondo quanto riportato oggi da Il Sole 24 Ore, FC Internazionale starebbe per chiudere il rifinanziamento del debito contratto nel maggio del 2015 con Goldman Sachs e Unicredit, quando il presidente Erick Thohir aveva il controllo del club, prima che venisse ratificato l'ingresso in società come azionista di maggioranza di Suning. Con questa operazione, la società nerazzurra mirerebbe a raccogliere nuovi finanziamenti per una cifra compresa tra i 200 e i 300 milioni di controvalore. Parte di questa cifra servirà per estinguere il finanziamento da 230 milioni, che nel rispetto del piano di rimborso al 30 giugno 2017 era sceso a 208 milioni di euro.

La strategia dell'Inter prevede che venga emesso, con l'assistenza della stessa Goldman Sachs, un prestito obbligazionario (bond) destinato a investitori istituzionali (banche e fondi), che metterebbero così a disposizione dell’Inter le risorse necessarie ad estinguere il vecchio prestito, ottenere un nuovo debito con una scadenza più lontana e ottenere anche risorse ulteriori per finanziare la gestione corrente.

Sezione: Copertina / Data: Mar 5 Dicembre 2017 alle 10:55 / articolo letto 23511 volte / Fonte: Calcioefinanza.it
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit