Coutinho: "All'Inter esperienza molto positiva, ma difficile. Lì ho capito che le cose sarebbero diventate più serie"

 di Mattia Zangari Twitter:   articolo letto 12032 volte
Coutinho: "All'Inter esperienza molto positiva, ma difficile. Lì ho capito che le cose sarebbero diventate più serie"

"Ho iniziato a capire che sarei diventato professionista quando ho firmato il mio primo contratto con un club europeo, l'Inter, all'età di 16 anni, ma ero molto giovane". Philippe Coutinho, neo giocatore del Barcellona per la cifra monstre di 160 milioni di euro, si racconta ai microfoni della tv del club blaugrana, non mancando di ricordare il periodo nel quale ha mosso i suoi primi passi nel calcio del vecchio continente: "Ho visto che le cose sarebbero state più serie, ma è stato difficile per un giovane come me che proveniva da un'altra cultura e ha lasciato tutto quello che aveva. Sono stato lì due anni, sono venuto con i miei genitori e la mia ragazza, che ora è mia moglie. Milano sembrava molto grande, la squadra aveva molti campioni. È stata un'esperienza molto positiva, ma difficile. Se fossi andato da solo, sarei morto ... Avevo bisogno del tuo sostegno e la famiglia era al mio fianco".