"Gentile redazione, un'altra brutta Inter dopo quella vista con l'Udinese, squadra lenta e macchinosa con avversari agguerriti a difendersi e puntuali nelle ripartenze. Risultato? abbiamo buttato al vento quanto di buono è stato fatto in quattro mesi di campionato. Sconfitte contro Napoli e Juve, squadre più forti del campionato, avrebbero potuto essere anche accettate, ma perdere contro Udinese e Sassuolo: Signori miei siamo davvero alla frutta. Davvero un gran brutto Natale e come se non bastasse ci aspettano derby e Lazio. Si salvi chi può. Cordialità". Vittorio "Cara redazione siamo alle solite . Ormai siamo abituati a queste prestazzioni a questi anni dove non ci sono giocatori con le palle. Ora possiamo dire che siamo lontani ANNI LUCE dall Rubentus Napoli e Roma , possibilmente anche dalla Lazio. Ora siamo sgonfi , comincia il Napoli a steccarci poi ci pensera' anche la Rubentus e anche quest'anno cominciano gli incubi degli anni scorsi . Giocatori che camminano , che non si aiutano , e ora Spalletti che sbaglia la formazzione , penso che Nagatomo oggi era l' ideale , visto che Positano sembrava Messi !!!! Preso un gol da comiche !!!! Dite hai Cinesi che abbiamo bisogno di RINFORZI , e via Candreva Brozovic Joao Mario , basta siamo stanchi di vedere giocatori cosi !!!! Possibile che all' Inter i giocatori che non giocano rovinano lo spogliatoio , dovete imparare dalla Rubentus che non ci sta va via !!!! Un' altro brutto Natale".

Mauro

 

"Cari amici interisti, può essere deluso solo chi si era illuso. Era evidente da quest'estate che l'Inter avesse una rosa misera misera; ma posssibile che i giornalisti se ne accorgano solo ora? Spalletti fa compassione: si guarda dietro le spalle per tentare di cambiare una partita e vede il soldatino Eder, che non segna neanche con le mani o la fighetta Joao Mario, lezioso da far venire la volgia di picchiarlo per scuoterlo. Il peccato originale è anche nella formazione tipo: di Candreva e Perisic ne basta uno; almeno un esterno deve vedere la porta. Perisic è uno splendido mulo; ma questo è: un mulo, che fa sempre lo stesso goal. E Candreva fa solo goals casuali ( quest'anno neanche quelli) ma non si fa trovare in area se non per caso, impegnato com'è a crossare anche i fili d'erba. E poichè centrocampisti che vedono la porta nella nostra rosa sono un'utolpia, ecco che quando cala la vena realizzativa di Icardi son dolori. Ma la tristezza più grande è che i cinesi tacciono. A parole adorano l'Inter, ma nei fatti sono soldatini rispettosi dell'ortodossia comunista, desiderosi di non indispettire il loro governo. O magari non possono farlo: il che è anche peggio. Io penso ormai da tempo che per quanto si tratti di un gruppo potentissimo, i lacci e lacciuoli che il loro governo pone sono troppo rigidi ed è meglio per la beneamata se se ne vanno al più presto. Meglio qualcuno con meno soldi, ma che possa spendere almeno briciole. Cari saluti a tutti".

Daniela

 

"Gentile Redazione, credo che con la seconda sconfitta consecutiva si sia superato il limite, dopo l'ennesima prova deludente offerta dalla squadra contro il Sassuolo. Un calvario di sconfitte e umiliazioni che continua a durare imperterrito da 7 lunghi anni! Da tifoso sono ancora più deluso dopo le incomprensibili scelte di mercato attuate la scorsa estate, che non solo si stanno rivelando insoddisfacenti (salvo Skriniar, Valero e, parzialmente, Vecino), ma continuo a non comprendere tale perseveranza sul settore comunicativo-gestionale delle risorse finanziarie, sulle false promesse annunciate lo scorso mercato (che riemergono ancora oggi all'apertura imminente della sessione invernale) e su questa perenne mediocrità tecnica che continua a persistere. La società Inter e il settore comunicativo facciano chiarezza sulle future scelte societarie, nonché sulle possibili occasioni di mercato che si profileranno; se questo non avverrà, Suning e i relativi dirigenti si facciano definitivamente da parte, lasciando strada ad una cordata di imprenditori italiani di profilo, che conoscano e diffondano la passione per il tifo e per il lavoro, profusi dalla gestione Moratti, con la relativa competenza dei grandi dirigenti sportivi. La rinascita tecnico-economica passa da una serie di fattori; tra questi, la coesione tra dirigenti societari e il relativo staff tecnico, da una sapiente gestione delle risorse economiche ed umane e una esatta suddivisione di compiti, da quelli gestionali, a quelli tecnici, fino a quelli amministrativi. Suning, in tutto questo, non è stata, e, forse, non sarà mai capace di affermare un'immagine vincente, un progetto condiviso tra staff tecnico e dirigenziale, e una buona capacità comunicativa. Si rifletta su questi pochi ma concisi punti, per costruire, finalmente, una società forte e vincente, seguendo i modelli societari delle società sportive di vertice per poter ambire a risultati sportivi di successo. Nella speranza che il mese di gennaio venga impiegato razionalmente, al fine di rafforzare questa squadra, rilevando calciatori di tecnica, temperamento e personalità, resto dell'avviso che si debba rivolgere delle pubbliche scuse a questi straordinari tifosi, che continuano a sostenere la squadra con passione e coinvolgimento, soprattutto nei continui fallimenti che purtroppo ogni anno l'Inter ci riserva. Con queste speranze in serbo, rivolgo i migliori auguri alla Redazione di FC Inter News e a tutti i tifosi della Beneamata! Cordiali saluti".

Riccardo

 

"Buonasera, purtroppo è arrivata la seconda sconfitta di cui sono profondamente dispiaciuto, non ho mai cullato sogni di scudetto il mio obiettivo è sempre stato di arrivare almeno tra le prime quattro che come tutti sapete significa Champions League.Per questo motivo giudico fondamentali le prossime 2 partite in casa con Lazio e Roma e per questo non vorrei che i soliti gufi dell'"io lo avevo detto" comincino al primo errore(speriamo non decisivo) di queste due fondamentali"battaglie" a mugugnare e a sparare sentenze che sarebbero un clamoroso autogol. Purtroppo nel mezzo di Inter Lazio, c'è il "trappolone"; quella fastidiosissima quanto inutile partita che purtroppo è un derby.... la coppetta Italia una via di mezzo tra un'amichevole e una partita nemmeno troppo seria che i soliti giornalai e opinionisti presenteranno come la madre di tutte le battaglie e alcuni nostri tifosi poco lungimiranti e con scarse ambizioni tengono particolarmente, e qui spero nella saggezza del nostro staff: il derby per la coppetta và fatto con le riserve!!!!per arrivare solo 3 giorni dopo alla vitale( sportivamente parlando)sfida con la Lazio ad armi pari!!!! Meglio la gallina(dalle uova d'oro) domani che l'ovetto sodo oggi!!!! Buon Natale a tutti!!! Amiamola sempre!!!Con l'Inter nel cuore si nasce!!!Con l'Inter nel cuore si muore!!!".

Giovanni 

 

"Gentile Redazione, cari tifosi dell'Inter, come avevo preannunciato, ecco la seconda sconfitta. Come ho sempre detto, pur riconoscendo a Spalletti il merito di aver fatto 40 punti con una squadra mediocre, purtroppo adesso non può fare miracoli e quindi si ritorna alla base. I cinesi comunisti non possono investire per via delle restrizioni imposte dal loro Governo ed allora, senza investimenti ,l'Inter non va da nessuna parte perchè non si può giocare il campionato italiano con una sola punta centrale e con pedine mancanti in tutti i reparti. Questa squadra, rispetto alla passata stagione è anche peggiorata perchè, come sempre, l'incompetenza assoluta di Ausilio ha mostrato tutti i suoi limiti. Che andasse a ripetizione da Tare! Sono stati regalati Banega e Kondombia frettolosamente (sarebbero stati utilissimi), mentre sono stati presi giocatori (almeno tre) che ancora non fanno un intera partita e mi riferisco a DALBERT, KARAMOU, CANCELO. Questo anche perchè i comunisti cines i non possono acquistare i VIDAL i NAINGOLAN ecc. Il peggio purtroppo deve ancora arrivare perchè il girone di ritorno con questa squadra ridicola sarà una debacle assoluta ed a gennaio non arriverà alcun giocatore di valore perchè i cinesi non investiranno mai nell'Inter. Chiudo con questa esortazione: cari Cinesi comunisti andate via dall'Inter e trovate un acquirente da Inter, questo per il bene di milioni di tifosi della Beneamata. Buon Natale a tutti".

Angelo 

 

"Sono nato coi colori dell'inter addosso, ho una foto in cui avevo sì e no 4 anni e già correvo nella vigna dei nonni con la maglietta a strisce neroazzurre inseguendo un pallone..ora ne ho 32, per la precisione li compirò il 27 dicembre..io chiedo ai giocatori di regalarmi un sorriso portando a casa la vittoria sul Milan e ovviamente anche il bottino pieno con la Lazio. Da bambino gioivo per i risultati in coppa uefa e per le prodezze di Ronaldo il fenomeno, e non capivo come mai lo scudetto non arrivasse mai, anzi l'avevo capito benissimo ben prima dell'opinione pubblica ma soffrivo e piangevo per l'inter, sì piangevo perchè sono uno di quei tifosi che piange, non parla e si incazza con tutti quando la squadra non vince..sono malato di inter che ci posso fare..tutta colpa di mio padre che mi mise quella maglietta (sponsor misura) quasi 30 anni fa. Ora chiedo ai tutti i tifosi della nostra squadra di stare uniti e chiedo ai giocatori di regalarci dopo tanti anni di oblio un post o nelle prime quattro e finalmente poter rivedere la coppa dei campioni che si chiama così perchè ci giocano i campioni e quindi dimostrate di esserlo e se avete poca memoria andate su youtube ad ispirarvi..Mourinho, Milito, Materazzi, julio cesar acchiappasogni..sono tutti lì nei nostri cuori e ora tocca a voi entrarci caro icardi, perisic, handanovic..entrate nei nostri cuori e regalateci finalmente un anno a testa alta! grazie". 

Alessandro

Sezione: Visti da Voi / Data: Dom 24 Dicembre 2017 alle 22:04 / articolo letto 10363 volte
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit