Zeko “sì”, Lukaku “ni” con le quotazioni di Rafael Leao in netta risalita. Questa - per Tuttosport - la sintesi del vertice di mercato andato in scena ieri nel primo pomeriggio di Nanchino, presso il Novotel, e a cui hanno preso parte il presidente Steven Zhang, gli ad Marotta e Antonello, il ds Ausilio, il club manager Oriali e ovviamente Conte. Durante l'incontro, la proprietà ha ribadito al tecnico la difficoltà ad arrivare in questo momento a Lukaku, il primo nome della lista, ma iper valutato dal Manchester United che pretende per lui 88 milioni. L’Inter ha giocato al ribasso con una proposta da 60 milioni più 15 di bonus, ma di più ora non può fare, a meno che non ceda Icardi in tempi brevi per poi alzare l'offerta con il nuovo tesoretto. 

Per un Lukaku messo in standby, c'è un Dzeko ormai in arrivo: appena si sistemeranno alcuni tasselli (Higuain alla Roma?), il bosniaco diventerà un giocatore nerazzurro. Anzi, è possibile che già nel weekend, al ritorno dalla Cina, Marotta alzi il tiro da 12 a 15 milioni, bonus compresi, ottenendo così il sì dai capitolini. Per Lukaku l’Inter farà forse un altro tentativo, ma al tempo stesso dovrà tenere una mano sull’alternativa per evitare di farsela sfuggire e il nome conduce al 20enne portoghese Rafael Leao del Lille, valutato 35-40 milioni. Per l'Inter è un talento di grande prospettiva, forse non pronto per essere subito titolare, ma un giocatore su cui vale la pena scommettere. 

VIDEO - GABIGOL NON SI FERMA PIU' E BATTE ANCHE IL VAR

Sezione: Rassegna / Data: Mar 23 Luglio 2019 alle 09:00
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print