Facundo Colidio è uno dei giovani aggregati alla prima squadra nel ritiro pre-campionato. E Tuttosport allora gli dedica ampio spazio nel giornale di oggi: "Due settimane per imparare da Icardi - si legge -. Facundo Colidio, stellina della Primavera nerazzurra, guida la pattuglia di baby talenti che Spalletti ha voluto affiancare ai grandi in quel del ritiro ad Appiano. L’attaccante argentino potrà imparare dal capitano interista qualcosa da mettere in campo nel prossimo campionato Primavera, nel quale sarà uno dei nomi da tenere d’occhio in attesa della consacrazione definitiva. Perché Colidio era arrivato dal Boca Juniors lo scorso luglio (per una cifra vicina ai 7 milioni) con già appiccicata l’etichetta del fenomeno. Presagi che sembravano tutti confermati quando alla prima partita giocata, contro l’Hellas a novembre, segnava il gol vittoria con una rovesciata degna del buon Parola. Si è ripetuto in gennaio con la doppietta che è valsa la Supercoppa Italiana contro la Roma. In generale, però, durante l’anno, è mancato di un po’ di continuità dimostrando di aver bisogno di tempo per completare la crescita. A fine stagione ha messo insieme 9 gol, con l’ultimo ancora una volta decisivo: è stato il vantaggio che ha spianato la strada all’Inter nei supplementari della finale per il titolo della Primavera contro la Fiorentina. Così il ragazzo che nell’U-20 albiceleste si fa le foto con Messi quando gli gioca contro da sparring partner, quest’estate avrà l’opportunità di osservare da vicinissimo Mauro Icardi per imparare l’arte di segnare gol a ripetizione, oltre che nei match decisivi (dettaglio che in effetti non guasta)". In ritiro anche Dekic, Nolan, Roric, Zappa ed Emmers. E proprio il belga potrebbe far parte stabilmente della prima squadra per tutta la stagione dopo che, su suggerimento di Spalletti, l'Inter ha rifiutato numerose offerte per lui.

VIDEO - DELIRIO CROAZIA IN SPOGLIATOIO DOPO IL PASSAGGIO IN SEMIFINALE

Sezione: Rassegna / Data: Mar 10 Luglio 2018 alle 12:04 / articolo letto 14991 volte / Fonte: Tuttosport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni