FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Morais: “Mou sarà diviso in due. Per l’Inter nutre un amore puro”

BIRMINGHAM, ENGLAND - MARCH 15:  Jose Mourinho manager of Chelsea and coach Jose Morais in discussion prior to the Barclays Premier League match between Aston Villa and Chelsea at Villa Park on March 15, 2014 in Birmingham, England.  (Photo by Michael Regan/Getty Images)

L'ex collaboratore dello Special One: "Altrove un'identificazione totale come quella con il mondo Inter? Non credo proprio"

Alessandro Cavasinni

Un altro storico collaboratore di Mourinho oggi intervistato dalla Gazzetta dello Sport è José Morais. Ecco le sue dichiarazioni.

Guarderà la sfida dell’Olimpico?

"Certamente, è una partita particolare. E non arriva nel momento migliore per José: avrebbe voluto affrontarla con un altro stato d’animo. Sicuramente è diviso in due: da un lato il cuore e dall’altro il cervello. Da un lato un club che gli ha dato un affetto infinito, da lui ricambiato, e dall’altro una squadra per la quale ora darà tutto quello che ha dentro".

Cosa le viene in mente di fronte a un Roma-Inter?

"Io nel tunnel dell’Olimpico prima della finale di Coppa Italia. Ero molto nervoso, anzi preoccupato. Nello staff avevo il compito di studiare gli avversari in ogni minimo dettaglio e quella era una partita con molte trappole. Lui mi si avvicina, mi dà una pacca sulla spalla e mi dice: “Zeca, tranquillo perché vinciamo al 100%”. Zeca è un diminutivo portoghese di José: bastava quello per tranquillizzarmi".

Quale era all’epoca la vostra vera scintilla?

"Io direi l’apporto dei Moratti: eravamo un’estensione della loro famiglia, vivevamo davvero in una grande casa".

Mou ha mai avuto altrove una identificazione totale come quella con il mondo Inter?

"Non credo proprio. L’Inter tutta per lui prova ancora un senso infinito di gratitudine e di ammirazione mista a rispetto. E José ricambia il sentimento con amore puro".

tutte le notizie di