FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna

Inzaghi vs Mihajlovic, Lombardo: “Sfida tra i figli di Eriksson”

MILAN, ITALY - SEPTEMBER 15: Head coach of FC Internazionale Simone Inzaghi looks on before the UEFA Champions League group D match between Inter and Real Madrid at Giuseppe Meazza Stadium on September 15, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Mattia Ozbot - Inter/Inter via Getty Images)

L'ex biancoceleste racconta la squadra dello scudetto: "In Simone e Sinisa rivedo la capacità di dialogo e di gestione di Sven"

Stefano Bertocchi

"Ma io giocavo pochino...". Attilio Lombardo risponde ironicamente quando incalzato da La Gazzetta dello Sport su come fosse giocare, fra gli altri, con Simone Inzaghi e Sinisa Mihajlovic, suoi compagni alla Lazio ed oggi avversari in Inter-Bologna.

Un altro record di quella Lazio: oggi siete quasi tutti allenatori. Alcuni grandi allenatori.

"E oggi sarebbe facile dire: ce l’avevamo dentro già allora. Smentisco: io l’avrei detto solo del Mancio, che giocava ma era allenatore da anni, aveva già un progetto chiaro anche per il fine carriera. Gli altri no, neanche il Cholo, Almeyda, Conceiçao, non solo Simone e Sinisa. A quei tempi pensavamo solo a fare i giocatori. Ma avevamo già un patrimonio inconscio. Tutti».

Ovvero?

"Facile: l’impronta di Eriksson".

Ecco, poi approfondiamo. A posteriori: perché si poteva intuire che Simone sarebbe diventato allenatore?

"Io l’ho capito quando l’ho incrociato in panchina, lui con gli Allievi nazionali della Lazio e io della Samp. Se inizi a crescere da allenatore in un settore giovanile, ti stai già dando degli obiettivi, cerchi di capire se è quello il tuo ruolo. È stata la sua forza, accompagnata da un pizzico di fortuna: quella di poter fare il salto al momento giusto".

E Sinisa?

"L’ho ritrovato già allenatore di prima squadra: anche lui ha avuto una fortuna, poter “rubare” qualcosa a Roberto stando al suo fianco. Lavorando al Toro con lui, ho scoperto un allenatore sanguigno, che sta sempre sul pezzo e quando si crea un obiettivo lo raggiunge a tutti i costi. Un tecnico capace di entrare nel cuore della gente portando le sue idee, anche nuove: subentrava a Ventura, che aveva fatto un pezzo della storia del Toro".

Inzaghi dava già l’impressione di poter reggere il peso di obiettivi come scudetto e Champions?

"Come vedete Simone adesso, era allora. Aveva 23 anni, un “mangia Pavesini”, ma non lasciava trasparire nessuna soggezione, in una partita di biliardo come in una situazione difficile. Non sprecava energie mentali, solo fisiche, e gli scivolava tutto addosso. Così trovava il suo spazio anche se aveva davanti Mancini, Salas e Boksic. Così segnava 9 gol in Champions compreso un poker al Marsiglia e ce lo faceva pure pesare: con la mano faceva sempre il segno del 4...".

Dicevamo dell’impronta di Eriksson: in cosa?

"Di Eriksson rivedo in Simone e Sinisa, come ovviamente nel Mancio, la capacità di dialogare con i giocatori e di trasmettere loro un forte senso di appartenenza a un gruppo. Era un grande gestore, furbissimo: un maestro nel governare tutte le situazioni. Non so quanti sarebbero riusciti a far convivere tanti campioni, e tanti sudamericani".

tutte le notizie di